rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Politica Portanuova / Viale Guglielmo Marconi

Mancata risposta accesso agli atti, Comune replica a 'Salviamo viale Marconi': “Documenti inviati il 22 dicembre”

Il comitato aveva denunciato che il 16 dicembre è scaduto «il termine della nostra istanza presentata dallo studio legale da noi incaricato» e, per tale motivo, aveva annunciato di fare ricorso

Il Comune di Pescara risponde al Comitato “Salviamo viale Marconi”, che imputa all'Ente la mancata risposta di accesso agli atti. Il comitato, infatti, aveva denunciato che il 16 dicembre è scaduto «il termine della nostra istanza di accesso agli atti presentata dallo studio legale da noi incaricato. Ovvero entro quella data il Comune di Pescara per legge avrebbe dovuto fornirci tutti gli atti inerenti i lavori su viale Marconi ma, come immaginavamo, nessuno si è degnato di inviarci nulla». 

Per tale motivo 'Salviamo viale Marconi' aveva annunciato di fare ricorso al tribunale amministrativo. Tuttavia oggi il Comune fa presente «che la richiesta è pervenuta agli uffici del Settore Lavori pubblici in data 21 novembre u.s., protocollata al n. 0227191/2021 e trasmessa agli uffici competenti il 24; la documentazione (delibere, approvazione Sus, progetto e variante, delibere di approvazione progetto e variante) è stata inoltrata via pec al legale presso il quale il Comitato ha eletto domicilio, mercoledì 22 dicembre».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancata risposta accesso agli atti, Comune replica a 'Salviamo viale Marconi': “Documenti inviati il 22 dicembre”

IlPescara è in caricamento