rotate-mobile
Politica

Trasporti post Coronavirus, sottosegretario D'Annuntiis: "Ripensare il modo di fare impresa"

Il sottosegretario regionale con delega ai trasporti è intervenuto oggi nella rubrica dell'ufficio stampa della Regione "Sos Coronavirus"

Ripensare non solo il sistema dei trasporti ma anche il concetto stesso di fare impresa finita l'emergenza Coronavirus. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza della Regione Abruzzo con delega ai Trasporti, Umberto D'Annuntiis intervenuto durante la rubrica dell'ufficio stampa della Regione "Sos Coronavirus".

Il sottosegretario ha fatto sapere che si sta già lavorando ad un tavolo regionale sulla mobilità, sia sul fronte pubblico che privato. Per quanto riguarda il trasporto pubblico, è evidente che fino a quando saranno in vigore le misure di distanziamento sociale non si potranno mantenere i turni di prima, in quanto ci vorrebbero quattro o cinque volte il numero attuale degli autobus. Al tavolo siederanno aziente di trasporto, associazioni e lavoratori per cercare soluzioni comuni, concrete ed efficaci. Il banco di prova sarà la riapertura delle imprese come nella Val di Sangro ed il mondo della scuola.

TUA, COME ORGANIZZARE IL TRASPORTO PUBBLICO NELLA FASE 2?

Molte società trasportistiche lamentano gravi perdite, come nel caso della Saga che gestisce l'aeroporto e che parla di ricavi prossimo allo zero. Per questo, spiega D'Annuntiis, sono già stati chiesti 700 milioni di euro per pagare il servizio vuoto per pieno e garantire la sopravvivenza di tante aziende.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti post Coronavirus, sottosegretario D'Annuntiis: "Ripensare il modo di fare impresa"

IlPescara è in caricamento