rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Politica

L'attacco del capogruppo regionale di Fdi Testa al Pd: "Basta polemiche, i ristori per le zone rosse ci sono"

L'esponente regionale di Fratelli d'Italia interviene in merito alla questione dei ristori per le zone rosse della prima ondata di contagi del Covid in Abruzzo

Duro attacco del consigliere e capogruppo alla Regione di Fdi Testa nei confronti del Pd, dopo le polemiche sollevate nei giorni scorsi dai consiglieri d'opposizione in merito alla questione dei ristori per le zone rosse della prima ondata di Coronavirus. Secondo Testa, il Pd prima ha giudicato scellerato l'accordo raggiunto con il ministro Provenzano dal governatore Marsilio, poi lo ha rivendicato le risorse economiche pianificate per quelll'intervento.

Voglio ricordare come solo alcune regioni d’Italia abbiano ottenuto dal governo nazionale nuovi aiuti economici, mentre l’Abruzzo per fronteggiare l’emergenza ha dovuto riprogrammare i propri fondi, poiché non è consentito alle Regioni l’indebitamento.

Da qui l’ingegnoso accordo Provenzano - Marsilio, con il quale è stata assicurata dallo stesso presidente la copertura, tra le altre azioni, degli interventi previsti nelle leggi regionali Cura Abruzzo 1 e Cura Abruzzo 2 e, dal ministro Provenzano, garantita la copertura degli interventi (Masterplan) temporaneamente definanziati. Il ristoro previsto per le zone rosse in argomento è, dunque, tutelato dall’attuazione dell’accordo in parola.

Testa ha aggiunto che dal 29 settembre scorso ad oggi la Regione ha sottoscritto gli accordi istituzionali con i beneficiari degli interventi, ed ora si attendono solo i tempi tecnici che il consigliere Paolucci ed ex assessore al bilancio dovrebbe conoscere. La prossima settimana sarà adottata la delibera di giunta che dispone i ristori, considerando che l'accordo è stato sottoscritto il 16 luglio e il Cipe si è riunito il 29 settembre, e dunque era impossibile fare tutto entro il 21 giugno come sostiene il Pd.

E’ tempo che la smettano sul serio di prendere in giro e mortificare gli abruzzesi con le loro propagande. Piuttosto si impegnino concretamente con i loro rappresentanti in parlamento per il bene della nostra regione, così come sta facendo il presidente Marsilio, che dall’inizio del suo mandato dà prova di vera politica, quella buona ed equa, quella di cui loro non hanno memoria e di cui , forse, si meravigliano

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'attacco del capogruppo regionale di Fdi Testa al Pd: "Basta polemiche, i ristori per le zone rosse ci sono"

IlPescara è in caricamento