menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassa di soggiorno, Giunta contro l'opposizione: "Basta ostruzionismo"

Dopo la valanga di emendamenti presentati dall'opposizione per la tassa di soggiorno, il sindaco Alessandrini e l'assessore Cuzzi intervengono sulla necessità di attivare questo introito. "Servirà per rilanciare il turismo"

Opposizione sterile, priva di proposte con l'unico obiettivo di bloccare il turismo a Pescara.

Parole dure dal sindaco Alessandrini e dall'assessore Cuzzi nei confronti della minoranza, in merito alla questione dell'istituzione della tassa di soggiorno, dopo la pioggia di emendamenti presentata dall'opposizione.

Alessandrini sottolinea come la tassa sia stata concordata con gli operatori del settore, e servirà per avere risorse (altrimenti inesistenti) per rilanciare in modo forte e strategico il flusso turistico in città.

"Tutto questo ha un costo, non solo economico, ma in termini di tempi che invece vanno recuperati perché Pescara si prenda il posto che merita nel panorama turistico nazionale. Questa è la finalità, ci sembra seria, considerato il momento che attraversiamo e la necessità che ognuno in Consiglio comunale faccia la sua parte per lo sviluppo della comunità che rappresenta" ha dichiarato il primo cittadino, mentre l'assessore Cuzzi ha sottolineato che l'amministrazione comunale ha messo a punto un piano strategico di marketing che agirà su vari fronti.

"Tutti i 711 emendamenti corrispondono più alla paura di far fare qualcosa di buono a questa Amministrazione, che un atteggiamento a tutela dei pescaresi perché non ci sono proposte e idee, ma punteggiatura, sintassi e grammatica. Questo comportamento è inaccettabile. Noi abbiamo preso la strada giusta, ci abbiamo messo la faccia e abbiamo deciso di investire in settori dove negli ultimi vent'anni non si era fatto granché" ha dichiarato l'assessore, mentre il capogruppo PD Presutti ha ricordato come la maggioranza sia aperta a ragionare sul testo, ma solo con proposte serie e concrete, aggiungendo che Pescara non è una città d'arte, e dunque a Pescara i turisti verranno solo se c'è una ragione, e dunque la tassa servirà proprio a rafforzare l'immagine e l'attrattiva turistica della città.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento