Lunedì, 22 Luglio 2024
Politica

Nessun rincaro in città per le tariffe delle mense scolastiche almeno fino a giugno 2023

Lo ha fatto sapere il vicesindaco e assessore Gianni Santilli da noi contattato in merito alla questione delle tariffe previste per la refezione scolastica

Non ci saranno aumenti delle tariffe per le mense scolastiche comunali di Pescara, almeno fino al 30 giugno prossimo. Lo ha garantito l'assessore e vicesindaco Gianni Santilli, da noi raggiunto in merito alle tariffe della refezione scolastica, considerando che a partire da settembre verrà assegnato l'appalto da 20 milioni di euro che in primavera sarà pubblicato con un relativo bando.

Santilli ha quindi confermato che sicuramente per tutto l'anno scolastico 2022/2023 che si concluderà a giugno le famiglie non dovranno spendere cifre superiori per i pasti nelle mense scolastiche. Per il nuovo anno scolastico si deciderà una volta che l'appalto sarà regolarmente e definitivamente assegnato alla nuova ditta.

"Per quanto riguarda i prossimi mesi, abbiamo prorogato il contratto con la Serenissima fino al 31 marzo. Successivamente, per i mesi rimanenti, ovviamente il servizio non potrà subire interruzioni e quindi abbiamo già predisposto una ccordo con l'azienda per arrivare alla fine dell'anno scolastico. Confermiamo quindi come amministrazione comunale la volontà di non procedere ad aumenti per le tariffe dei servizi importanti e indispensabili come quello delle mense scolastiche nonostante l'aumento generalizzato del costo della vita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun rincaro in città per le tariffe delle mense scolastiche almeno fino a giugno 2023
IlPescara è in caricamento