menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taglieri (M5s) incalza la Regione: "In Abruzzo liste d'attesa per le visite mediche inaccettabili"

Il consigliere regionale pentastellato ha presentato un'interpellanza alla giunta ed al presidente Marsilio in merito ai lunghi tempi d'attesa anche per le visite urgenti

Tempi d'attesa inaccettabili per le visite mediche urgenti, che dovrebbero essere programmate entro 72 ore ed invece in alcuni casi sono fissate a 3/4 mesi di distanza, ed anche per le altre visite ordinarie che di fatto sono praticamente non prenotabili. Il consigliere regionale e vicepresidente della commissione sanità Taglieri, del M5s, attacca la giunta Marsilio presentando un'interpellanza per capire i motivi di questo ritardo, a mesi di distanza dall'emergenza Coronavirus e dunque senza alcuna giustificazione plausibile per i cittadini.

Taglieri ricorda anche che erano stati stanziati dei fondi fra il 2019 e 2020 proprio per ridurre le liste d'attesa, grazie al piano nazionale di Governo delle liste d'attesa, al quale l'Abruzzo ha risposto in ritardo e fino ad ora senza aver realmente fatto nulla di concreto:

Eppure sono state stanziate risorse per 6 milioni di euro di fondi regionali dedicati per l’anno 2019, più 5 milioni per l’anno 2020. A queste, si sommano per il 2019 un’ulteriore quota di risorse economiche da 2 milioni di euro proveniente da accantonamenti della Gestione Sanitaria Accentrata e 3,2 milioni di euro dalla Legge di Stabilità, dalla quale sono arrivati anche 2,2 milioni di euro per il 2020. Inoltre, dal recupero del 5 per cento dei compensi intramoenia, è presumibile ricavare altri 800mila euro all'anno.

Per il consigliere, è venuto il momento di chiedere conto a chi doveva amministrare questi fondi per capire cosa sia stato fatto fino ad ora, ed il presidente Marsilio e l'assessore Verì dovranno fare chiarezza per risolvere un problema gravissimo.

Una cosa è certa: non si possono lasciare i cittadini ad aspettare mesi per fare un esame catalogato come urgente, e non si deve mettere a repentaglio la salute degli abruzzesi. È il momento che il centrodestra intervenga prima che sia troppo tardi”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento