Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Tagli treni Pescara, il sindaco Mascia dice no

Il sindaco Mascia, assieme al presidente Testa e al presidenti Becci, dice no ai tagli dei treni per il nord Italia che entreranno in vigore a partire da lunedì 12 dicembre

Il sindaco Mascia, assieme al presidente Testa e al presidenti Becci, dice no ai tagli dei treni per il nord Italia che entreranno in vigore a partire da lunedì 12 dicembre.

Il primo cittadino pescarese, infatti, ha inviato un telegramma ufficiale sottoscritto dal presidente della Provincia e dal presidente della Camera di Commercio, ai vertici di Trenitalia ed al Ministro Passera per chiedere l'immediata sospensione dei provvedimenti che rischiano di mettere in ginocchio non solo i cittadini pescaresi ma anche l'economia dell'intera regione. 

"Ma le Istituzioni non resteranno a guardare: non consentiremo di essere tagliati fuori dalle grandi direttrici, non consentiremo l’indiscriminata sforbiciata dei collegamenti per il Nord Italia, che rappresenterebbe una mannaia anche per l’economia del territorio, peraltro in un periodo di piena crisi. Siamo pronti a occupazioni e proteste eclatanti ma Pescara e l’Abruzzo non si toccano" ha detto Mascia, ricordando che con l'attuazione di questi tagli l'ultimo treno per Bologna sarebbe alle 18,17, senza treni notturni fino alla mattina dopo. Dalle 20,38 alle 13,27 non ci sarebbero poi treni per raggiungere il sud.

Mascia si è detto sconcertato ed indignato: "Ci attendiamo una risposta entro poche ore da Trenitalia e dal Ministero, in caso contrario le Istituzioni sono pronte alla mobilitazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli treni Pescara, il sindaco Mascia dice no

IlPescara è in caricamento