Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

Gli studenti tornano a protestare in piazza: "Ecco la nostra agenda per il 2017"

Il Collettivo Studentesco Pescara annuncia per il 14 gennaio una nuova mobilitazione "per aggiornare la legge sul diritto allo studio: saremo nuovamente in piazza per ribadire a gran voce le nostre rivendicazioni"

"Finisce il 2016 e il Presidente della Regione D'Alfonso, in una lunga intervista su "Il Centro", afferma che il 2017 sarà un anno decisivo per le grandi infrastrutture. Il Governatore parla della Fondovalle Sangro e del Masterplan firmato da Renzi "tra i sampietrini" dei contestatori no-triv (citando il Presidente). Inoltre parla della Sanità, del patto sottoscritto con gli ex dissidenti della maggioranza per approvare il bilancio e della nuova legge elettorale regionale. Questa è l'agenda del 2017 del Presidente della Regione Abruzzo. Una Regione che si occupa solo di grandi opere e scansa i diritti, come confermato dal Bilancio 2017 con i tagli al Diritto allo Studio, alle Politiche Giovanili e alle Politiche Sociali".

Inizia così una nota del Collettivo Studentesco Pescara, che annuncia per il 14 gennaio una nuova mobilitazione "per aggiornare la legge sul diritto allo studio: saremo nuovamente in piazza per ribadire a gran voce le nostre rivendicazioni - sostiene Saverio Gileno, coordinatore del CSP - Sarà un altro anno di lotte per i diritti".

"Per noi studenti - afferma Francesco Buscaino del CSP - le priorità sono abbattere l'abbandono scolastico, innalzare il tasso di occupati, garantire dei servizi pubblici efficienti. Tutte cose che in Abruzzo mancano". Qui di seguito tutte le priorità del Collettivo Studentesco Pescara per il 2017:

• Aggiornare la legge regionale sul diritto allo studio, ferma al 1978. 

• Istituire un vero e proprio Welfare Studentesco e un Reddito di Formazione per abbattere i costi della cultura.

• Far stanziare maggiori fondi al Diritto allo Studio, per abbattere l'abbandono scolastico; alle Politiche Sociali, per garantire i diritti ai cittadini; e alle Politiche Giovanili, per incrementare l'apertura di luoghi di aggregazione come faremo a Pescara con "Lo sPaz".

• Istituire le Corse Notturne per un vero diritto allo mobilità. 

• Richiedere maggiori azioni politiche per i giovani e per il lavoro, valorizzando l'istruzione e l'occupazione per dare ai giovani abruzzesi le stesse possibilità che sono costretti oggi a trovare fuori regione e fuori nazione. 

• Tutelare e valorizzare il territorio della Regione, attraverso opere sostenibili e con impatto ambientale zero.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti tornano a protestare in piazza: "Ecco la nostra agenda per il 2017"

IlPescara è in caricamento