rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Politica

Rapposelli (FI): "Stop agli alcolici a mezzanotte? Norma sconosciuta e dibattito inutile"

Per il presidente della commissione commercio e attività produttive non è neanche il caso di dar via al "tormentone divieto sì-divieto no: certi che il prefetto darà la giusta risposta"

“Chiasso e ubriachi ci possono essere prima e dopo la mezzanotte, è dunque evidente che pensare d applicare oggi un provvedimento datato, partorito ventuno anni fa, imponendo il proibizionismo e il coprifuoco a mezzanotte a Pescara sia assolutamente anacronistico. Specie dopo due anni trascorsi tra lockdown e covid, che già hanno dato una batosta senza precedenti al nostro terziario. Comprendiamo le ragioni dei residenti di piazza Muzii, comprendiamo le problematiche che possono interessare una o due strade della città, ma siamo certi che con il prefetto Di Vincenzo sapremo trovare il giusto punto di ragionevolezza per far lavorare il territorio e garantire i diritti dei residenti”. È questa la posizione del presidente della commissione commissione commercio e attività produttive del Comune di Pescara Fabrizio Rapposelli (FI) sul divieto di somministazione degli alcolici dalla mezzanotte in poi, che si basa su una legge del 2001 “a tutt’oggi sconosciuta e mai applicata”, sottolinea.

Per Rapposelli non è neanche il caso di aprirlo quello che definisce “il tormentone sul divieto sì-divieto no: comprendiamo l’imbarazzo del prefetto per l’esistenza di una legge estremamente datata e inapplicata che, evidentemente, va aggiornata e rivista, comprendiamo il sindaco Masci e il suo dovere di informare le associazioni di categoria dell’esistenza di quella norma, perché a oggi non c’è ordinanza, e al sindaco va tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà ritrovandosi inevitabilmente a essere il parafulmine di ogni errore di programmazione compiuto in passato, nonché dell’assente assessore al commercio e alle attività produttive”. Il presidente della commissione rivolge quindi un appello agli esercenti perché “prendano atto e coscienza che un problema c'è e che lo stesso si può risolvere solo con atti di buon senso e con la responsabilità di tutti, residenti, lavoratori e avventori, perché è chiaro che chi la mattina si alza per andare a scuola, a lavoro, o deve comunque gestire una famiglia ha anche diritto al riposo notturno”.

“Come amministratore della città sono d’accordo con le regole, d’accordo con la gradualità e con la possibilità di compiere scelte calate nelle singole realtà di quartiere, ma quelle scelte vanno fatte con responsabilità e buon senso, sono altrettanto e fermamente contrario alla morte del commercio e delle attività produttive e di intrattenimento che sono l’anima della nostra città che ha una naturale vocazione al turismo e al terziario - conclude Rapposelli - È impossibile ordinare a un esercente di controllare che un proprio cliente al quale può somministrare alcol all’interno del locale fino alle 3 non osi affacciarsi fuori dallo stesso locale per gustare un calice di vino dopo la mezzanotte. Dunque riteniamo che tale dibattito non abbia ragione di esistere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapposelli (FI): "Stop agli alcolici a mezzanotte? Norma sconosciuta e dibattito inutile"

IlPescara è in caricamento