La consigliera Stella (M5s) torna sulla questione dell'ospedale di Penne: "Tutto fermo, dalla Regione solo promesse"

Durante la seduta del consiglio regionale è stata discussa l'interrogazione presentata dalla consigliera pentastellata sul futuro del nosocomio vestino

Un'interrogazione per conoscere le iniziative concrete che la giunta regionale intende mettere in campo per salvare e potenziare l'ospedale di Penne. La consigliera regionale del M5s Stella, ha chiesto risposte dopo le promesse fatte dall'assessore Verì e dal presidente Marsilio sul nosocomio vestino, aggiungendo che attualmente è tutto fermo ed invece occorrono subito bandi per le assunzioni di personale medico e sanitario, implementazione Tac, radiografi e tutta la strumentazione necessaria, ma soprattutto ricostruire una struttura interna con unità operative ben definite.

La Stella evidenzia anche che i recenti bandi in realtà fanno riferimento esplicito all'ospedale di Penne ma solo al reparto di Geriatria dell'ospedale di Pescara, con l'assunzione di sette nuove unità di dirigente medico per l'area geriatrica:

"C’è davvero l’intenzione di implementare il fabbisogno di personale del San Massimo o no? Mi auguro di si, ad ogni modo i cittadini dovranno ancora una volta restare legati alla speranza, che dall’esito concorsuale, sperando avvenga il prima possibile, venga pescato anche qualche medico per l’ospedale pennese”

Attualmente, come specificato dall'assessore Verì, vi sono 30 dirigenti medico a tempo indeterminato e 18 a tempo determinato con assegnazione condivisa fra Penne e Pescara, un numero insufficiente per fornire un servizio sanitario adeguato ad un bacino d'utenza di 50 mila persone.

"Accogliamo sicuramente favorevolmente la notizia dei 12,5 milioni per la ristrutturazione del presidio ospedaliero di Penne, ma se a tutto questo non segue un'immediata riqualificazione delle strutture interne, ricostituendo interi reparti utili e necessari ad offrire un servizio adeguato alla popolazione, allora questi soldi saranno solo un abbaglio, perché sicuramente i cittadini dell’area vestina potranno dire di avere un bel ospedale ma per nulla funzionale alle loro reali necessità”.

La consigliera infine promette di mantenere l'attenzione alta sull'argomento, con risposte reali per potenziare l'ospedale San Massimo restituendo a tutta la comunità vestina un ospedale con pronto soccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • La cabina di regia mette l'Abruzzo in zona rossa, c'è l'annuncio di Speranza

  • Cerca casa in affitto a Pescara e dintorni ma le viene chiesto se sia italiana, caso di discriminazione accaduto a una ragazza

  • Pesca illegale lungo il fiume Pescara di cefali, anguille e capitoni: controlli e sanzioni della guardia civile ambientale [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento