menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'allarme della Spi Cgil: "In Abruzzo 350mila persone sono a rischio povertà"

Nella nostra regione la spesa sociale è pari soltanto a 61 euro a persona. Il segretario Castellucci: "Dati molto preoccupanti anche per quello che riguarda l'indice di crescita della popolazione abruzzese"

In Abruzzo ci sono oggi oltre 350mila persone a rischio povertà, di cui 50mila sono minori.

I dati sono stati diffusi stamani a Pescara dal segretario provinciale dello Spi-Cgil, Paolo Castellucci, in occasione dell'assemblea Provinciale Unitaria dei Pensionati, promossa da Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil Pescara per illustrare temi e proposte della piattaforma rivendicativa della manifestazione del 19 maggio a Roma.

E' intervenuta anche Lucia Rossi della Segreteria Nazionale Spi-Cgil.

"Abbiamo dei dati molto preoccupanti - ha detto Castellucci - anche per quello che riguarda l'indice di crescita della popolazione abruzzese con un indice di invecchiamento alto con una prospettiva statistica che dice che nei prossimi trent'anni avremo il 40% di ultra 65enni. La spesa sociale abruzzese è di 61 euro pro capite rispetto a quella nazionale di 117 euro. Bisogna intervenire con misure per rilanciare l'occupazione ma anche rispondere ad una sottovalutazione del problema per gli anziani".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento