rotate-mobile
Politica

Elezioni regionali, Forza Italia e Lega: "Al voto nel più breve tempo possibile"

Tornare al voto il prima possibile. E' quanto chiedono, in due distinti comunicati, il coordinatore regionale di Forza Italia, Lorenzo Sospiri, e la Lega Salvini Abruzzo. La proposta è di andare alle urne "entro e non oltre il 22 novembre"

Tornare al voto il prima possibile. E' quanto chiedono, in due distinti comunicati, il coordinatore regionale di Forza Italia, Lorenzo Sospiri, e la Lega Salvini Abruzzo.

Sospiri, con una nota protocollata il 29 agosto, ha diffidato il governatore facente funzioni Giovanni Lolli e il presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio a procedere "senza indugi" per indizire le elezioni regionali.

"Si proceda senza indugi - esorta Sospiri - perchè la data è il frutto di un dettame normativo non superabile e non interpretabile quale scelta politica ma trattasi di puro atto amministrativo, diffidati a procedere per non risponderne in sede di giustizia amministrativa come già accaduto per un caso similare, l'indizione delle elezioni regionali del Lazio a seguito delle dimissioni dell'allora Presidente Polverini, caso nel quale una data non la più breve possibile di prorogatio è stata impugnata e riformulata dal TAR Lazio".

Sulla stessa lunghezza d'onda il Carroccio, che afferma:

"Anche i pareri che ci arrivano dai nostri legali confermano che le elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale debbano tenersi entro 90 giorni dalla pubblicazione del decreto di scioglimento, che è avvenuta il 22 agosto. Quindi entro e non oltre il 22 novembre. Tesi supportata da una sentenza della Corte Costituzionale del 2003, nonché da successive decisioni del Consiglio di Stato. E siamo certi che anche il necessario parere del Presidente della Corte d'Appello andrà in questa direzione. Se l'attuale maggioranza di centrosinistra vuole impuntarsi sulla maldestra interpretazione che, furbescamente, punta a far scadere il temine nel periodo natalizio per riuscire ad arrivare al nuovo anno, dovrà assumersi una grave responsabilità".

Conclude Sospiri, lanciando una velata minaccia:

"Le leggi dicono voto a novembre, il buon senso dice voto a novembre: o sarà voto a novembre o ci vedremo nelle sedi opportune".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni regionali, Forza Italia e Lega: "Al voto nel più breve tempo possibile"

IlPescara è in caricamento