rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Politica

Soppressione Tar Pescara, i commenti di SEL e degli onorevoli Castricone e D'Incecco

Dopo la notizia della soppressione del Tar di Pescara, che diventerà esecutiva fra un anno, arrivano le reazioni di Sinistra Ecologia e Libertà e dei parlamentari pescaresi del PD D'Incecco e Castricone

A seguito della decisione del Governo di sopprimere il Tar di Pescara, arrivano le reazioni di Sinistra Ecologia e Libertà e dei parlamentari pescaresi del PD Castricone e D'Incecco.

SEL

"La scelta del relatore della maggioranza e del Governo Renzi di  procedere in commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati, alla soppressione della sezione del TAR di Pescara è irrazionale e penalizza i cittadini e gli operatori della giustizia delle province di Chieti e di Pescara che dal 1 luglio del 2015 dovrebbero rivolgersi al TAR de L'Aquila con evidenti disagi e aggravi economici.
Naturalmente questa scelta deve essere votata ancora dall'Aula per la decisione definitiva che dovrebbe esserci la settimana prossima.
Rivolgo un appello al maggior Gruppo Parlamentare della Camera, il PD, affinché nella votazione dell'Assemblea dei Deputati ci sia un ripensamento visto che sono state salvate tutte le sezioni distaccate dei TAR italiane che sono anche sede distaccata delle rispettive Corti d'Appello.
Sarebbe una beffa per Pescara e Chieti non avere una sezione distaccata della Corte d'Appello e per questo motivo perdere anche la sede distaccata del TAR." ha dichiarato Gianni Melilla, parlamentare SEL.

PD

"Secondo quando previsto dal decreto PA, in corso di conversione alla Camera, la chiusura della sede distaccata del TAR di Pescara avverrà non prima del luglio 2015. Certo, avremmo preferito l'approvazione del nostro emendamento che evitava completamente la soppressione della sede pescarese - dichiara Antonio Castricone - ma l'obiettivo di scongiurare l'immediata chiusura è stato raggiunto. La norma prevede spazi di manovra per trovare una soluzione che ne scongiuri la chiusura e i prossimi mesi dovranno essere spesi per lavorare di concerto con i presidenti delle sezioni del TAR di Pescara e L'Aquila per concordare una soluzione, che io vedo possibile, per permettere il mantenimento della sede pescarese”.

"Oggi - continua Castricone - c'è chi tenta di strumentalizzare la situazione non rendendosi conto che è proprio grazie al lavoro fatto da noi parlamentari del PD e dal sottosegretario Legnini se si è avuta una proroga di un anno. Un arco temporale in cui trovare il modo più idoneo per puntare al mantenimento definitivo della sede di Pescara".

"Nei prossimi giorni – conclude Vittoria D'Incecco - il nostro impegno sarà concentrato nella ricerca delle strade giuste per mantenere un servizio importante non soltanto per la città di Pescara ma per una larga parte del territorio abruzzese".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soppressione Tar Pescara, i commenti di SEL e degli onorevoli Castricone e D'Incecco

IlPescara è in caricamento