rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Politica

Potere al Popolo Abruzzo al fianco dell'assemblea per la Palestina accampata nel parco dell'ex caserma Di Cocco

Condivisione e vicinanza all'iniziativa di protesta con cui si chiede attenzione verso il conflitto israelo-palestinese e soprattutto la fine di quello che è ormai da più definito come un vero e proprio genocidio nei confronti dei palestinesi

Solidarietà di Potere al Popolo Abruzzo ai giovani dell'Assemblea per la Palestina che dal 18 maggio si sono accampati nel parco dell'ex Caserma Di Cocco per dire “no” al “genocidio palestinese”. Un'azione ricorda PaP, che si sta svolgendo in parallelo in molte città italiane e estere per sensibilizzare e dire “Stop al genocidio del popolo palestinese; stop agli accordi tra istituzioni e università israeliane; no alla repressione del dissenso; per la liberazione dei palestinesi arrestati per reati d’opinione; no alla cultura della militarizzazione nel sistema formativo; per il rispetto rigoroso del dettato costituzionale in tema di guerra e soluzione dei conflitti”.

“Potere al Popolo da sempre appoggia la lotta del popolo palestinese e sostiene e partecipa a livello nazionale alle azioni di protesta. Anche noi, come PaP Abruzzo, sosteniamo e solidarizziamo con chi ha a cuore i destini di un popolo che è, da decenni, oppresso e derubato dall’occupazione e colonizzazione israeliana e a cui è impedito di vivere una vita dignitosa, che vengono definiti dalle maggiori cariche politiche di Israele come 'bestie', 'da uccidere fin nelle culle', il tutto con la complicità di Usa e dei governi europei”, si legge in una nota.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

“Ogni dissenso, ogni pensiero non allineato al mainstream occidentale è ormai punito duramente, pensiamo all’aggressione di diversi attivisti palestinesi e all’ultimo grave pestaggio fascio-sionista di chef Rubio. Ora è sempre più chiaro che antifascismoè uguale antisionismo”, continua Potere al Popolo

“Respingiamo queste intimidazioni di stampo mafioso, che segnalano la degenerazione morale dei cosiddetti 'sostenitori del mondo libero'. Israele ha superato la soglia degli orrori della guerra e sta compiendo un genocidio scientemente organizzato del popolo palestinese, tanto da colpire anche operatori umanitari e convogli di cibo e medicine per le popolazioni. Occorre una mobilitazione continua su questi temi a partire dall’esempio dell’Assemblea per la Palestina di Pescara”, conclude PaP Abruzzo invitando “alla partecipazione attiva alla protesta e a dimostrare concretamente il proprio sostegno”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Potere al Popolo Abruzzo al fianco dell'assemblea per la Palestina accampata nel parco dell'ex caserma Di Cocco

IlPescara è in caricamento