rotate-mobile
Politica Città sant'angelo

Città Sant'Angelo, Ruggieri (Azione Politica) sulla vendita della società che gestiva la farmacia comunale: "Maggioranza incoerente"

Roberto Ruggieri di Azione Politica critica l'amministrazione comunale per la decisione di mettere in vendita la società che gestiva la farmacia comunale

«Esattamente quattro anni fa, in consiglio comunale, si è votato per la vendita della farmacia comunale. Io all'opposizione, ho scelto di  sostenerne la vendita proposta dalla maggioranza. Una scelta a dir poco obbligata ma soprattutto tecnica. Poco o niente a che fare con scelte di natura politica o ideologica di cui ancora oggi sono estremamente convinto di aver fatto la scelta giusta per la nostra comunità».
A parlare è Roberto Ruggieri di Azione Politica.

Che prosegue: «Il sottoscritto veniva da una importante esperienza di governo, cinque anni come assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Pescara, pieni di soddisfazioni per il territorio ma anche di scelte dolorose e difficili da digerire. Tante scelte tecniche e obbligate anche in Provincia per fare quadrare il bilancio. Ebbene, tornando alla vendita della farmacia comunale, il mio voto palese favorevole ha portato, all'epoca, a una definitiva rottura tra me e il mio gruppo di opposizione. Accusato di tutto, dall'appartenenza a quella maggioranza (di centrosinistra) a una responsabilità di chi sa quali apocalittici danni avrebbe causato la vendita di un servizio quale quello della farmacia all'intera popolazione di Città Sant'Angelo. Il dato reale è stato che quella vendita ha portato alle casse comunali 1 milione e mezzo di euro, sventando il rischio fortissimo dell’arrivo di un commissario che avrebbe alzato le tasse a tutti i cittadini; di offrire un ottimo servizio alla popolazione, molto più vantaggioso in termini di offerte e di scontistica e addirittura la conferma di rimanere lì a Madonna della Pace. L'unica differenza che non è più comunale. In questi giorni dai giornali scopro che l'attuale maggioranza intende vendere la società che gestiva la farmacia e che oggi offre il servizio a domanda del trasporto scolastico ai ragazzi che frequentano le scuole di Città Sant'Angelo». 

Poi Ruggieri aggiunge: «Ma come, non sono gli stessi che mi hanno accusato e massacrato contestando di sostenere la vendita di un bene del Comune? Non sono gli stessi che ritenevano fosse estremamente dannoso vendere un bene così importante a tal punto da procurare un grandissimo danno alle famiglie angolane e impoverendo i beni del Comune? È facile "drogare" i cittadini con una facile opposizione che  contesta tutto a prescindere, ma poi quando si è in maggioranza bisogna fare i conti con il bilancio e i conti devono tornare sempre. Le scuse so che non arriveranno mai ma riconoscete almeno che la coerenza non sapete minimamente dove sia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città Sant'Angelo, Ruggieri (Azione Politica) sulla vendita della società che gestiva la farmacia comunale: "Maggioranza incoerente"

IlPescara è in caricamento