rotate-mobile
Politica Bussi sul tirino

Caso Bussi, Sospiri: "Ora si proceda senza ulteriori indugi a garanzia del territorio"

Il presidente del consiglio regionale commenta il pronunciamento odierno del Tar del Lazio sul ricorso presentato dalla Regione Abruzzo e dal Comune di Bussi contro l’annullamento della gara d’appalto per le opere di bonifica

Il presidente del consiglio regionale Lorenzo Sospiri commenta il pronunciamento odierno del Tar del Lazio sul ricorso presentato dalla Regione Abruzzo e dal Comune di Bussi contro l’annullamento della gara d’appalto per le opere di bonifica.

“Il ministero dell’ambiente deve bonificare quelle aree, ha il dovere di procedere con la rimozione delle discariche abusive a nord dello stabilimento e ha l’obbligo di procedere con il ripristino della salubrità dei luoghi a tutela di un territorio e dell’intera regione. E la condanna al pagamento delle spese di lite per 15mila euro testimonia la bontà dell’azione legale intrapresa dalla Regione. Ora si proceda senza ulteriori indugi a garanzia di un territorio che ha già patito a sufficienza”.

Il presidente del consiglio regionale ha sottolineato che “quell’intervento andava eseguito e quell’appalto non andava annullato: bastano questi due elementi, sacramentati dal Tar, per raccontare l’epilogo di una vicenda lunga, dolorosa, in termini di salute pubblica e di spese a carico della collettività, e fatta di carte, ingegneria legale e documenti che spesso hanno avuto solo il compito di ritardare, procrastinare o impedire un intervento urgente e necessario. Noi lo abbiamo sostenuto sin dal primo giorno”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Bussi, Sospiri: "Ora si proceda senza ulteriori indugi a garanzia del territorio"

IlPescara è in caricamento