Sanità, in Abruzzo resta il superticket: la Regione rinuncia ai fondi del Governo

A sollevare la questione la consigliere e capogruppo regionale del M5s Marcozzi, che sottolinea come la giunta Marsilio abbia rinunciato al milione di euro stanziato dal ministro Grillo

Gli abruzzesi continueranno a pagare il superticket sulle prestazioni sanitarie. La giunta regionale, infatti, ha rinunciato al milione di euro stanziato dal ministro della Salute Grillo per la riduzione del ticket sulle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, pari a 10 euro.

Lo ha fatto sapere la consigliera e capogruppo alla Regione del M5S Marcozzi, che parla di una scelta insensata ed assurda da parte del governo di centrodestra, con l'Abruzzo che assieme alla Calabria ed alla Puglia sarà una delle poche Regioni che continuerà a mettere le mani in tasca ai cittadini nonostante i fondi a disposizione:

Un procedimento burocratico estremamente semplice che avrebbe portato a un risultato concreto. Non è stato dello stesso avviso il governo regionale di centro destra, né l’assessore Verì della Lega, che hanno fatto scadere il termine utile per farne richiesta, certificando così la rinuncia a una somma di denaro già pronta per essere spesa e che avrebbe comportato un risparmio di oltre un milione di euro per i portafogli degli abruzzesi

La Marcozzi annuncia di voler approfondire la question, per capire se si è trattata di un'incapacità burocratica ed amministrativa o di una reale scelta politica che avrebbe potuto far risparmiare soldi ai cittadini:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La verità è che siamo di fronte a un'ulteriore testimonianza della vuota propaganda del centro destra e della Lega. Per tutta la campagna elettorale si sono riempiti la bocca con le promesse sulla riapertura dei piccoli ospedali, dei punti nascita e con l'aumento della spesa sanitaria. La realtà è che non stanno mantenendo gli impegni presi e ne faranno pagare le conseguenze agli abruzzesi. Proprio come nel caso del superticket

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta il suicidio dal viadotto Cerrano della A14: chiusa al traffico l'autostrada, code e disagi

  • Montesilvano si mobilita con una colletta per aiutare la piccola Francesca

  • All'ospedale di Pescara è nato Filippo, il secondo figlio di Alessandro Di Battista [FOTO]

  • Minaccia il suicidio dal viadotto Cerrano della A14: salvato giovane di Pianella, gli aggiornamenti

  • Meteo, ultime ore di caldo ed afa anche in Abruzzo e nel Pescarese: le previsioni

  • Sette migranti positivi nel cas di Moscufo, la rabbia di Sospiri: "Ora tamponi a tutti gli abitanti del paese"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento