rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Politica Riviera Nord / Viale Riviera Nord

Riviera nord, il presidente Blasioli contro l'ecomostro: "Via palazzo Michelangelo"

Il presidente del Consiglio Comunale BLasioli interviene sulla questione della demolizione del Palazzo Michelangelo lungo la riviera nord, mai completato ed in uno stato di totale abbandono

Il presidente del Consiglio Comunale Blasioli, interviene in merito alla questione dell'abbattimento di Palazzo Michelangelo, struttura mai completata lungo la riviera nord, nei pressi della rotatoria Paolucci, e che per una sentenza del Consiglio di Stato andrebbe abbattuto.

"Stiamo parlando di un palazzo di sette piani, la cui costruzione è partita alla fine degli anni ’90, a pochi passi dalla rotonda Paolucci, in viale della Riviera 191. I cittadini residenti  negli edifici confinanti hanno cominciato a presentare degli esposti al Tar, il quale ha annullato ben tre concessioni edilizie, quella del 1999, del 2001 e del 2002, riscontrando numerose irregolarità, una su tutte la persistenza di circa 370 metri quadri nell’area demaniale.

Una lunga scia di battaglie legali ha infine portato ad una sentenza inappellabile del Consiglio di Stato che ha di fatto confermato la disposizione del Tribunale amministrativo regionale n. 11 del 9/01/2006, non solo, ma ha anche disposto che il Comune provvedesse al più presto al suo abbattimento." dichiara Blasioli, ricordando come la procedura di demolizione fu avviata dal sindaco D'Alfonso.

"Non possiamo dimenticare, inoltre, che il tribunale amministrativo regionale, sez. di Pescara, nel 2013 ha accolto un ricorso di alcuni cittadini e ha condannato il Comune a pagare ai ricorrenti un’indennità annuale fino alla demolizioneavvenuta, con retroattività di cinque anni, per non aver provveduto ancora a rendere  operativa la sentenza di demolizione" Secondo un calcolo approssimativo, l’ente dovrebbe versare 56.900 euro solo per gli anni passati." ha aggiunto Blasioli sottolineando come il Comune non possa permettersi esborsi esorbitanti per i ritardi nella demolizione, e dunque chiede al Consiglio Comunale una nuova ordinanza, dopo l'annullamento di quella precedente per un vizio di forma.

"Sono convinto che l'Amministrazione saprà dare questo segnale, con l'immediatezza necessaria a dimostrare che non ci sono ripensamenti determinando così anche un risparmio per i costi dell'ente." ha concluso Blasioli.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riviera nord, il presidente Blasioli contro l'ecomostro: "Via palazzo Michelangelo"

IlPescara è in caricamento