Sabato, 16 Ottobre 2021
Politica Centro / Piazza Italia

Riqualificazione di Piazza Italia, Pd: "L'amministrazione ha le idee confuse"

Il sindaco Luigi Albore Mascia interviene sul progetto e risponde: "A Pescara manca una 'Piazza delle Istituzioni'. Noi faremo diventare questo luogo bello e di pregio"

Botta e risposta tra maggioranza e opposizione, a Pescara. Oggetto del contendere è la viabilità in piazza Italia, sulla quale si affacciano i palazzi del Comune, della Provincia e della Prefettura. I consiglieri comunali Pd Enzo Del Vecchio, Camillo D’Angelo e Florio Corneli si mostrano scettici di fronte all'intenzione dell'amministrazione di chiudere al traffico la piazza: "Si, d’accordo - affermano - Piazza Italia verrà rivalutata sotto l’aspetto ambientale con l’apposizione di nuove alberature e nuove fontane, ma quale vita sociale collettiva si approprierà di quello spazio quando già oggi nelle ore serali diventa un deserto? La sensazione è che allo scadere del tempo dato a questa amministrazione ci si stia preoccupando di aprire cantieri senza una logica di funzionalità e di visione strategica generale degli interessi della collettività, ma più con l’umore della pancia insoddisfatta dei cittadini". Insomma, per il Partito Democratico "l'amministrazione ha le idee confuse".
Il sindaco Luigi Albore Mascia non ci sta e risponde spiegando che "sul territorio abbiamo diversi luoghi simbolo: piazza Salotto, purtroppo snaturata a causa dei lavori della precedente amministrazione; c’è piazza Sacro Cuore, caratteristica e intima; e poi piazza Unione. Ma è sempre mancata la ‘Piazza delle Istituzioni’ che da sempre caratterizza le altre città europee. Abbiamo deciso di cogliere tale occasione creando un luogo bello, di pregio, che non sia attraversato da mille auto al secondo, che non sia solo luogo di passaggio, di transito, ma che diventi luogo di sosta, luogo anche di eventi, così come oggi accade una o due volte l’anno quando proprio dinanzi alla Prefettura si svolgono concerti istituzionali".
Il sindaco fa presente che, una volta uscite dalla rampa dell’asse attrezzato, le macchine potranno svoltare a destra, proseguendo la propria marcia in via Avezzano-via Bologna-via del Concilio o proseguire verso il mare; oppure, uscendo dalla rampa dell’asse attrezzato, potranno svoltare a sinistra risalendo sulla rampa stessa o svoltando dietro al Comune, e proseguendo in direzione monti-mare.
"Dunque nessun rompicapo sul fronte viario - conclude il primo cittadino - Resta inalterata la viabilità sul corso, fatta eccezione, ovviamente, per l’eliminazione del semaforo sul lato di piazza Italia e delle uscite obbligate; elimineremo solo il traffico all’interno della piazza, che restituiremo ai pedoni e alla città”.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riqualificazione di Piazza Italia, Pd: "L'amministrazione ha le idee confuse"

IlPescara è in caricamento