rotate-mobile
Politica

Entro due mesi i lavori di riqualificazione del Museo Colonna: la Porta del Mare di Summa sarà il simbolico ingresso

Il progetto ha ottenuto il sì della maggioranza in consiglio comunale. Il cantiere durerà 18 mesi fa sapere l'assessore Maria Rita Carota che definisce il progetto frutto del partenariato pubblico-privato uno dei più importanti dell'attuale amministrazione

Il “sì” al progetto di riqualificazione e valorizzazione del Museo Vittoria Colonna e dei giardini esterni di piazza Primo Maggio (lato sud) con nel cuore della tessa l'installazione della Porta del Mare del maestro Franco Summa che ne diventerà il simbolico ingresso, è arrivato lunedì 22 aprile in consiglio comunale e tra due mesi, fa sapere oggi l'assessore comunale alla Cultura Maria Rita Carota, i lavori che prevedono dunque la rimozione dello spartitraffico con l'orologio per la creazione di un vero e proprio percorso che porta al museo, inizieranno.

Si dice dispiaciuta del voto contrario delle opposizioni Carota, ma soddisfatta per il risultato ottenuto e quel “sì” al progetto di partenariato pubblico-privato: la convenzione con la fonazione Abruzzo per le Arti, annuncia, sarà sottoscritta entro 20 giorni. Seguirà la progettazione esecutiva e l'avvio del cantiere che dunque prenderà il via, ribadisce, entro fine giugno. “In 18 mesi daremo forma e sostanza a un cantiere di un milione e mezzo di euro, fondi privati”, chiosa.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Un percorso lungo e complesso con il progetto passato al vaglio della soprintendenza con diverse criticità sollevate e risolte nei confronti del progetto inizialmente proposto, che ha visto insieme a Comune e fondazione Abruzzo per le Arti anche la fondazione Pescarabruzzo e possibile grazie a uno specifico articolo del Codice dei beni culturali, ricorda quindi Carota per la quale quella che si sta attuando “è una delle iniziative e dei progetti più importanti della nostra consiliatura”. “Parliamo di un progetto ambizioso che non si ferma alla sola ristrutturazione e all’adeguamento della struttura, ma ricade all’interno di un contenitore che prevede altri due progetti specifici, ovvero il riallineamento dei giardini di piazza Primo Maggio creando un viale che dal mare consente di arrivare all’altra opera d’arte che verrà ripristinata, ossia la Porta del Mare del maestro Summa, installata per la prima volta in piazza Primo Maggio nel ’93, un’opera di indubbio valore artistico di livello internazionale oltre che importantissima per la città. Il ringraziamento va alla fondazione Abruzzo per le Arti che ha presentato il progetto al Comune di Pescara e a Ottorino La Rocca che è stato l’ideatore e portavoce del progetto, ribadisce.

Quello che si inaugura, aggiunge il sindaco Carlo Masci, è “un percorso pubblico-privato che inquadra il discorso culturale in modo diverso, con la capacità di creare le condizioni per lo sviluppo di un Museo al centro della città, riqualificando la struttura, recuperando un elemento storico-artistico-culturale e restituendo il giusto rilievo a un artista di livello internazionale come Summa con la sua Porta del Mare. Siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo con una operazione chirurgica che ha messo insieme la riqualificazione del Museo Vittoria Colonna con il progetto di imprenditori illuminati e la sovrintendenza che ha creduto nell’iniziativa”.

Una fondazione quella che ha messo in campo il progetto, composta da diversi imprenditori tra cui Marramiero, Di Vincenzo, Maresca e Ottorino La Rocca che rimarca come “l’iniziativa si muove su tre direttive: il ripristino della Porta del Mare, la riqualificazione del Museo Colonna e la riorganizzazione dei giardini”.

Il progetto era stato presentato l'anno scorso a Palazzo di Città e a ripercorrerne gli interventi principali è l'architetto Lucio Zazzara che ribadisce come la volontà sia quella di liberare spazi per le esposizioni e le iniziative artistiche estemporanee mettendo in relazione il museo con i giardini che ospiteranno il nuovo ingresso della struttura con la rassicurazione che non vi saranno né tagli né l'eliminazione delle essenze botaniche ora presenti. “Si interverrà sulla pavimentazione, creando un percorso più chiaro, illuminato a terra, con l’installazione di una pensilina molto semplice. Il percorso sarà spostato di 1,50 metri verso ovest, in linea con il ripristino della Porta del Mare proprio per creare una ideale continuità dell’opera con il Museo”, sottolinea ricordando che il piano terra del museo sarà completamente ridisegnando ospitando una caffetteria-bookshop per piccoli eventi come ad esempio la presentazione di libri. Anche l'Auditorium verrà riorganizzato guardando dritto al mare.

Si riaprono poi, spiega ancora Zazzara, le finestre del piano superiore riportando luce nel museo con anche il recupero della terrazza sul mare. Un intervento importante che sarà svolto sotto la direzione artistica del Macro (Museo d’arte contemporanea di Roma). Un progetto cui potrebbe seguire, era stato già sottolineato, quello per il rifacimento dell'area attorno alla chiesa del Mare oggi parcheggio e dove un tempo c'era il teatro Pomponi oltre alla completa revisione della viabilità nel tratto che dalla Porta del Mare porta alla Nave di Cascella.

“Intanto – spiega l’ingegner CarloGalimberti – vanno avanti le procedure per il ripristino della Porta del Mare, questa volta una installazione permanente, già autorizzata dal genio civile: avevo personalmente collaborato con il maestro Summa trent’anni fa per la prima realizzazione, e ho potuto recuperare tutti i progetti originali”.

“Parallelamente – conclude il direttore artistico Giorgio De Finis – sto già lavorando alla ideazione della prima mostra con cui inaugureremo il museo, che sarà tutta al femminile quale omaggio a Vittoria Colonna”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entro due mesi i lavori di riqualificazione del Museo Colonna: la Porta del Mare di Summa sarà il simbolico ingresso

IlPescara è in caricamento