rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica

Rincari autostrade, M5S: "Bloccare i pedaggi e valutare la revoca delle concessioni (segrete)"

Vacca: "Gli aumenti di quasi il 13% delle tariffe sull'A24 e A25 sono l'ennesimo schiaffo dato ai cittadini, in particolare agli abruzzesi, che si vedono costretti a pagare ben 3 volte, e con tariffe spropositate, un'infrastruttura pubblica"

"I rincari di quasi il 13% dei pedaggi autostradali dell'A24 e A25 sono l'ennesimo schiaffo dato ai cittadini, in particolare agli abruzzesi, che non solo devono percorrere da mesi un'autostrada in gran parte a corsia unica, a causa dei lavori urgenti di manutenzione in corso, ma si vedono costretti a pagare ben 3 volte, e con tariffe spropositate, un'infrastruttura pubblica, che dovrebbe appartenere a loro. Per questo oggi invieremo una lettera al ministro Del Rio (a firma anche dei parlamentari Castaldi, Blundo, Colletti, Del Grosso, e dei consiglieri regionali M5S Marcozzi, Mercante, Pettinari, Ranieri e Smargiassi), per chiedere un intervento urgente a tutela dei cittadini che percorrono ogni giorno quelle autostrade".

E' quanto afferma, in una nota, il deputato pescarese del M5S Gianluca Vacca.

"Solo in Italia possono accadere queste cose, con un privato che fa profitti e riceve tanti soldi dallo Stato mentre i cittadini sono costretti a pagare più volte un'opera pubblica: prima quando è stata costruita, poi con i finanziamenti che il concessionario ha ricevuto dallo Stato sotto varie forme (350 milioni con gli ultimi provvedimenti, 100 milioni come sospensione dei pagamenti dei canoni e 250 di finanziamento per i lavori di messa in sicurezza) e infine con i pedaggi che, dal 2009 all'anno scorso, erano già aumentati di quasi il 44%! Ricordiamoci inoltre che il gruppo Toto guadagna sulle autostrade grazie anche all'altissima percentuale di lavori affidati in house, cioè a imprese del proprio gruppo, anche a seguito dell'emendamento approvato nell'ultima legge di Bilancio che aumenta la percentuale di lavori affidabili senza gara solo per i concessionari autostradali. Un bel regalino di Natale alle lobby, l'ennesimo da parte di una maggioranza sempre attenta alle esigenze dei potenti e distratta nei confronti degli interessi dei cittadini!".

Oltretutto, sottolinea Vacca, "i contratti di concessione sono praticamente un 'segreto di Stato', come li ha definiti recentemente il Corriere della Sera, poiché, a differenza degli altri Paesi europei, non sarebbero reperibili on line e quindi non si potrebbero consultare liberamente, nonostante l'Autorità dei Trasporti abbia più volte sollecitato a renderli pubblici. È ora che questo governo si assuma le proprie responsabilità e intervenga per evitare questa ennesima catastrofe per gli abruzzesi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rincari autostrade, M5S: "Bloccare i pedaggi e valutare la revoca delle concessioni (segrete)"

IlPescara è in caricamento