Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Rifiuti, ancora in Abruzzo quelli di Roma: oltre 76mila le tonnellate che saranno conferite nel 2023

Come riportato da RomaToday la convenzione tra le due Regioni firmata la prima volta nel 2014 è stata prorogata per un altro

Sarà di nuovo l'Abruzzo, fino alla fine del 2023, a farsi carico dei rifiuti urbani indifferenziati di Roma per complessive 75mila 600 tonnellate. Questo, come riportato da RomaToday, quanto previsto dalla delibera di giunta della Regione Lazio con cui è stato dato il via libera all'accordo tra la Pisana e la Regione Abruzzo.

Una convenzione che va avanti dal 2014 e che è stata prorogata negli anni. L'ultima volta era stato a febbraio 2022 con l'accordo che prevedeva fino al 31 luglio dello stesso anno il conferimento ed il trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati presso gli impianti di trattamento abruzzesi, Aciam spa, ubicati in località “La Stanga” nel Comune di Aielli (provincia de L’Aquila), e Deco Spa ubicato in località “Casoni” (provincia di Chieti). Un'emergenza, quella della capitale mai finita e per cui con la nuova proroga la Regione, questo quanto previsto dalla convenzione, pagherà 15 euro a tonnellata di cui 5 a titolo di “compensazione ambientale”.

Ad avanzare la richiesta di rinnovo dell'accordo è stata Il 21 ottobre l'Ama spa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, ancora in Abruzzo quelli di Roma: oltre 76mila le tonnellate che saranno conferite nel 2023
IlPescara è in caricamento