menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

D'Incecco (Lega): "Speranza dia l'ok per riaprire tutte le attività dal 4 dicembre"

Il neo eletto capogruppo del Carroccio in consiglio regionale chiede al governatore Marsilio di rappresentare al ministro della salute le istanze avanzate da un cartello di sigle e dai sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl

D'Incecco (Lega) auspica che Roberto Speranza dia l'ok per riaprire tutte le attività dal 4 dicembre. Il neo eletto capogruppo del Carroccio in consiglio regionale chiede al governatore Marsilio di rappresentare al ministro della salute le istanze avanzate da un cartello di sigle (Agci, Casartigiani, Cia, Claai, Cna, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, Confindustria, Legacoop) e dai sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl. In questo modo si aiuterebbero i lavoratori in vista del ponte dell’Immacolata Concezione:

"Ho raccolto il grido di allarme degli esercenti che, giustamente, lamentano di aver assolto, dopo il primo lockdown, agli adempimenti imposti dal protocollo nazionale dei vari settori ma che adesso reclamano a gran voce il “passaggio di fascia”, da zona rossa ad arancione, per evitare il tracollo economico considerato l’approvvigionamento effettuato per il periodo natalizio".

In sostanza, spiega D'Incecco, i ristori previsti dal governo "non sono sufficienti a saldare le fatture in scadenza. Sia ben chiaro, e qui mi appello al senso di responsabilità dei cittadini abruzzesi, la riapertura dei negozi non vuol dire 'liberi tutti' ma una boccata di ossigeno per l’economia delle città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento