rotate-mobile
Politica

Arriva la Rete regionale per le malattie rare: "Vogliamo garantire una certezza di diritti"

Sono in tutto 5431 i pazienti finora interessati. L'assessore Silvio Paolucci: "Questa rete collegherà tutte le Asl della Regione. E' un provvedimento importante". Soddisfatto anche il direttore dell'Agenzia Sanitaria Alfonso Mascitelli

"Oggi ci sono in Abruzzo 5.431 pazienti che hanno patologie rare e in più essendo patologie che hanno una ben definita incidenza, questo significherà che nella nostra regione avremo ogni anno fra 400 e 500 pazienti nuovi". 

Questi i dati sulla base dei quali il direttore dell'Agenzia Sanitaria regionale Alfonso Mascitelli ha presentato la nuova Rete regionale per la diagnosi e la cura delle Malattie Rare approvata anche in Abruzzo.

"A tutte queste persone - ha aggiunto Mascitelli - vogliamo garantire, con la rielaborazione della Rete Regionale, una certezza di diritti e quindi tutti i pazienti sapranno i farmaci, i dispositivi, i presidi diabetici, gli integratori e i dietoterapici a cui avranno diritto in termini di assistenza, e questo non era né facile né scontato perché le direttive nazionali rinviavano ai provvedimenti delle singole regioni".

"Si tratta di una rete - ha detto l'assessore regionale Silvio Paolucci - che collegherà tutte le Asl dell'Abruzzo ed è un obiettivo principe di quello che è un provvedimento regionale importante".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva la Rete regionale per le malattie rare: "Vogliamo garantire una certezza di diritti"

IlPescara è in caricamento