rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Politica

Reddito di dignità, il M5S attacca il PD e l'accusa di ipocrisia

Il M5S Abruzzo attacca il PD in merito alla proposta del reddito di dignità per i cittadini abruzzesi in difficoltà, parlando di atteggiamento ipocrita in quanto la stessa legge era stata proposta dai pentastellati un anno fa

Il M5S regionale attacca duramente il PD in merito alla proposta riguardante la creazione di un "Reddito di dignità" per i cittadini abruzzesi in difficoltà.

A parlare è il capogruppo alla Regione Marcozzi, che parla di ipocrisia senza limiti sottolineando come la proposta di dimezzare gli stipendi sia stata presentata dal M5S un anno fa in Regione, con i consiglieri del PD che hanno cercato di non votarla.

"Evidentemente la campagna elettorale nella città di Pescara è già iniziata!. Ai giochetti del PD siamo abituati, fanno lo stesso in Parlamento: bocciano le nostre proposte per presentarle loro identiche. Ma francamente mi stupisco di molti giornalisti che non rilevano queste palesi e spregiudicate contraddizioni." ha dichiarato al Marcozzi, che attacca anche la stampa ed i giornalisti locali colpevoli di non aver evidenziato e messo in luce questa situazione.

Ricordiamo che il PD ha proposto di tagliare gli stipendi mensili dei consiglieri da 10 mila euro netti a 5 mila euro netti.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di dignità, il M5S attacca il PD e l'accusa di ipocrisia

IlPescara è in caricamento