Lunedì, 22 Luglio 2024
Politica

Reddito di cittadinanza (ora Adi): festa a Villa de Riseis per il progetto rivolto a 14 famiglie beneficiarie

Coinvolti 18 bambini e ragazzi, dai 4 ai 15 anni, in attività dal risvolto sociale messe in campo dalla Cooperativa Orizzonte, attraverso un bando comunale.

Un giorno di festa al parco Villa de Riseis, tra giochi di gruppo e una merenda insieme. Si è concluso così, sabato pomeriggio, alla presenza del sindaco Carlo Masci e di Roberta Pellegrino, responsabile del Servizio programmazione sociale e misure straordinarie per il Welfare, il Servizio di educativa territoriale promosso dall'assessorato alle Politiche sociali del Comune per le famiglie che percepivano il reddito di cittadinanza (ora Adi - Assegno di inclusione). La realizzazione di questo progetto (finanziato con il Fondo Povertà annualità 2019) è stata affidata, a seguito di un bando, alla cooperativa "Orizzonte" e a beneficiarne sono state 14 famiglie, per un totale di 18 bambini e ragazzini (fascia di età 4 - 15 anni).

«Ogni nucleo familiare beneficiario è stato affiancato da un educatore (anche in possesso di certificazione Aba)», spiegano l'assistente sociale del Comune Teresa Cappiello e la coordinatrice del progetto per la cooperativa Orizzonte Daniela De Angelis, «e ciascun operatore ha collaborato con le famiglie per raggiungere gli obiettivi concordati e condivisi con i genitori, i bambini e i ragazzi. Gli obiettivi hanno riguardato principalmente l'acquisizione di autonomie e di competenze in ambito scolastico, relazionale e comunicativo. Il progetto ha visto il coinvolgimento della Neuropsichiatria infantile della Asl e delle scuole».

Tante le attività realizzate in questi mesi dai laboratori di teatro al cinema, passando per la frequentazione della biblioteca, le uscite al parco, l'utilizzo dei mezzi pubblici e la colonia estiva di due settimane: stando insieme i beneficiari hanno creato un gruppo, divertendosi insieme. Il questionario realizzato il mese scorso, prima del termine del percorso, ha fatto emergere una grande soddisfazione delle famiglie e il feedback è stato molto positivo, per gli operatori, sia per l'acquisizione di competenze da parte dei minori sia per il miglioramento delle relazioni interne ai nuclei familiari, a partire dalla comunicazione.

«La vicinanza del Comune alle famiglie che vivono una fase di difficoltà abbraccia una moltitudine di aspetti», dice il sindaco Carlo Masci. «Le istituzioni non possono limitarsi ad aiutare economicamente chi ha problemi economici: il supporto, da parte nostra, riguarda anche i figli, per garantire una crescita serena, con rapporti sani all'interno di ogni nucleo. E questo progetto ha colto gli obiettivi per cui non posso che essere soddisfatto e ringraziare anche una volta il settore delle Politiche sociali, sempre attivo e propositivo, e in questo caso anche la cooperativa Orizzonte che ha affiancato le famiglie».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza (ora Adi): festa a Villa de Riseis per il progetto rivolto a 14 famiglie beneficiarie
IlPescara è in caricamento