menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Recovery Plan, modificata la parte relativa alla messa in sicurezza di A24 e A25

Lo fa sapere Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, spiegando che nella nuova versione "non vi è più l'imputazione al concessionario Strada dei Parchi dell'investimento di 1,15 miliardi"

Nel Recovery Plan è stata modificata la parte relativa alla messa in sicurezza delle autostrade A24 e A25. Lo fa sapere Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, spiegando che nella nuova versione "non vi è più l'imputazione al concessionario Strada dei Parchi dell'investimento di 1,15 miliardi":

"Potrebbe essere un primo risultato della nostra polemica sull'assurdità di tale previsione. Terremo alta la guardia per fare sì che i soldi siano spesi attraverso procedure di gara. Attendiamo intanto che la magistratura faccia piena luce sulle cause del deterioramento delle nostre autostrade e sulle responsabilità eventuali della holding Toto e della Strada dei Parchi".

Acerbo poi ricorda che il parlamento ha individuato un commissario straordinario "come soggetto attuatore dei necessari interventi sull'infrastruttura. È stato nominato il dottor Gentile per ricoprire questo ruolo. Sarebbe singolare bypassarlo a favore del concessionario".

Nei prossimi giorni l'ex parlamentare cercherà di avere un'interlocuzione con il commissario "proprio perché credo debba garantire l'uso di queste importanti risorse pubbliche nel rispetto delle normative europee per la concorrenza e gli aiuti di Stato e, cioè, procedendo con gare europee".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento