Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica

Il presidente Rapposelli sugli orari di chiusura dei locali: "Al lavoro per trovare una soluzione condivisa"

L'ultima seduta della commissione ha affrontato il problema degli orari di chiusura per i locali e i pubblici esercizi con l'ordinanza che verrà firmata dal sindaco valida fino al 7 luglio prossimo

Trovare una sintesi fra le esigenze degli esercenti dei locali pescaresi e il diritto al riposo dei cittadini, considerando quello di giugno un mese di "rodaggio" per poi arrivare ad estendere gli orari di apertura per luglio e agosto. Così il presidente della commissione commercio e attività produttive Rapposelli ha commentato l'incontro odierno durante la seduta, con Aldo Bertone di Confcommercio e Federico Anzellotti della federazione italiana pasticceri, per il consorzio Pescara Centro.

L'obiettivo dunque è trovare una sintesi che possa mettere d'accordo le parti coinvolte, considerando le necessità del settore dei servizi e locali cittadini duramente colpito dagli effetti delle restrizioni per la pandemia e che ora punta ad una ripartenza forte e duratura, ma anche quelle dei residenti delle zone della movida, dove spesso rumori molesti e grida vanno avanti anche a tarda notte.

"Ovviamente oggi dalle due Associazioni di categoria presenti abbiamo ricevuto, di nuovo, un grido d’allarme per una ripartenza che rischia di non essere tale a Pescara fissando orari di lavoro restrittivi, ovvero la chiusura alle 00.30 durante la settimana e all’una e trenta nel fine settimana, a fronte di una grande liberalizzazione registrata nelle altre città confinanti della costa, ma al tempo stesso, sempre da parte delle associazioni, c’è anche una presa di coscienza per la quale non è più concepibile un’assenza di regole e una mancata consapevolezza delle esigenze di chi abita nelle vie più frequentate nella fasce serali e ha comunque diritto di dormire, anche in estate. "

Si punterà dunque dal 7 luglio, quando scadrà l'ordinanza del sindaco Masci, ad estendere alle 2 l'orario di chiusura nel fine settimana e all'una nei giorni feriali, differenziando gli orari anche in base alla zona con piazza Muzii che presenta maggiori criticità rispetto alle riviere. Rapposelli ha poi aggiunto: 

"Il sindaco Masci, da ‘buon padre di famiglia’, ha ritenuto più opportuno ripartire facendo una sintesi tra tale proposta e quella ancora più restrittiva portata avanti da altre forze della maggioranza. Come membri di una coalizione, ovviamente, abbiamo accettato la posizione del sindaco, ma da questo momento ci pare giusto che il mese di giugno sia considerato come un momento di rodaggio della ripartenza, approfittando anche dell’assenza, per ora, di afflussi massicci di turisti, per essere pronti ad accogliere quei flussi a luglio e ad agosto con orari consoni a una città che si definisce turistica”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presidente Rapposelli sugli orari di chiusura dei locali: "Al lavoro per trovare una soluzione condivisa"

IlPescara è in caricamento