La proposta del presidente Rapposelli: "Lockdown totale fino all'8 dicembre per salvare il Natale dei commercianti"

Il presidente della commissione commercio lancia la proposta condivisa dalle associazioni di categoria e dei commercianti di Pescara

Tre settimane di lockdown totale fino all'8 dicembre in Abruzzo, per consentire poi una riapertura in tranquillità delle attività per il periodo natalizio e i saldi. Questa la proposta del presidente della commissione commercio Rapposelli, condivisa anche dai rappresentanti delle associazioni di categoria e dei negozi presenti all'ultima seduta. Un sacrificio per tutti che, secondo Rapposelli, potrebbe però salvare il Natale del centro commerciale naturale e dei locali della città che, con l'istituzione della zona arancione, si trovano in una sorta di limbo che sta di fatto producendo solo danni economico considerando che i fatturati sono praticamente quasi azzerati.

Presenti alla seduta Vincenzina De Sanctis per Confcommercio, Carmine Salce per la Cna e Camera di Commercio, Gianni Taucci per Confesercenti, Barbara Lunelli per Confartigianato, e Marco Canale, Marina Dolci e Federico Anzellotti per il Consorzio Pescara Centro.

La giunta ha già deliberato alcune iniziate per il Natale, ovvero l'installazione di luminarie in tutta la città, la filodiffusione nel quadrilatero centrale per creare comunque un'atmosfera natalizia fra le strade e piazze.

Gli incassi sono a picco, parliamo di un calo fino all’80 per cento degli affari, la categoria è allo stremo, in ginocchio, non si lavora e il motivo è semplice: i ristoranti sono chiusi, tutto il settore legato al food è fermo, al di là del delivery e del take away a cui i consumatori si sono progressivamente abituati, ma non si può andare a cena fuori, neanche a pranzo, neanche per un caffè al bar, non ci sono banchetti, non ci sono cerimonie, né feste, né matrimoni e nel frattempo i commercianti hanno sostenuto degli investimenti per l’approvvigionamento dei propri negozi proprio in vista del Natale. Oggi si vivacchia: continuano a esserci i costi fissi sia per i canoni di locazione che per le bollette, ma non ci sono clienti e, quindi, guadagni.

La commissione commercio inoltrerà alla giunta comunale la formale richiesta di chiedere a Marsilio di anticipare con effetto immediato il lockdown totale della città e della Regione, per arrivare all'8 dicembre con una situazione decisamente meglio gestibile sul fronte dei contagi. Inoltre, Taucci della Confesercenti ha chiesto di avviare un tavolo di lavoro istituzionale per pianificare il 2021 sul fronte della viabilità, degli orari, della gestione dei mercatini, per poter gestire al meglio il prossimo anno che si spera sarà quello della fine definitiva dell'emergenza Covid.

La pandemia ci obbliga a mettere da parte le eventuali divisioni ideologiche e di partito e, quale capogruppo di Fratelli d’Italia, che fa della coerenza uno dei propri cavalli di battaglia, proprio in virtù di ciò che il mio partito unitamente a la Lega e a Forza Italia chiede al Governo centrale, oggi ritengo opportuno avanzare tale proposta in perfetta sintonia tra l’altro con ciò che accade in Regione Abruzzo e così come sollecitato nei giorni scorsi dal Prefetto. Oggi il nostro dovere è quello di chiedere una regia unica per concertare insieme le misure realmente utili per la città

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

Torna su
IlPescara è in caricamento