menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo appello del presidente Rapposelli alla giunta Masci: "Prorogare le autorizzazioni straordinarie per l'occupazione di suolo pubblico"

Il presidente della commissione commercio e attività produttive fa riferimento alla delibera in scadenza il 31 marzo che concede fino al doppio di spazio esterno ai locali e pubblici esercizi per posizionare tavolini e sedie

La concessione straordinaria di suolo pubblico autorizzata un anno fa per la pandemia va assolutamente prorogata anche dopo il 31 marzo, con un impegno a stilare rapidamente un regolamento per evitare situazioni problematiche e caos lungo le strade e piazze cittadine. Lo ha ribadito il presidente della commissione attività produttive e commercio Rapposelli, al termine della seduta della commissione che, assieme ai rappresentanti delle associazioni di categoria, ha condiviso l'appello e la proposta che sarà ora girata all'assessore e alla struttura tecnica di competenza del Comune.

L'amministrazione Masci aveva annunciato l'intenzione di non rinnovare la delibera in scadenza in quanto manca un regolamento chiaro che potrebbe creare problemi al settore mobilità e alla polizia municipale, ha spiegato Rapposelli che perl ritiene paradossale un eventuale annullamento delle concessioni straordinarie a bar, ristoranti ed esercizi pubblici proprio in coincidenza dell'arrivo della primavera e con la possibilità che, con il calo dei contagi, possano scattare finalmente le riaperture al pubblico di queste attività soggette a dure restrizioni per il Covid.

Personalmente ho già chiesto all’amministrazione di rivedere e ripensare tale decisione, ma oggi ho voluto appositamente sentire anche le associazioni di categoria per comprendere quale sia la loro posizione in merito. E da tutte le organizzazioni presenti è arrivata una richiesta unanime, condivisa dalla stessa commissione: la proroga dopo il 31 marzo dei parklet va garantita.

Tutti gli esercenti oggi guardano alla data del 6 aprile, dunque dopo Pasqua, al termine delle restrizioni già previste dall’ultimo decreto, come alla méta da raggiungere per iniziare la scalata della ripresa, ma molte attività, private del parklet, già sanno che non potranno riprendere il proprio lavoro perché dispongono di spazi troppo limitati, adeguati nel periodo pre-Covid, ma oggi non più funzionali rispetto alle limitazioni post-pandemia.

Per evitare una deregulation del settore, occorre un regolamento preciso, valido per strutture modulari e removibili e per tavolini e sedie, estendendo però le concessioni almeno fino alla fine della pandemia. Il documento sarà ora sottoposto dallo stesso Rapposelli all'assessore Cremonese e agli uffici tecnici preposti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento