rotate-mobile
Politica

Raddoppio ferroviario, il sindaco di Manoppello a Roma per chiedere rassicurazioni sul sottopasso che "salverà" lo Scalo

Sul progetto Rfi si andrà avanti con il ricorso al Tar fa sapere Giorgio De Luca che ha accettato l'invito alla conferenza dei servizi fissata per il 9 maggio: è lì che vorrà una risposta definitiva su quel sottopasso che nel progetto di fattibilità non c'è

Il sindaco di Manoppello Giorgio De Luca il 9 maggio sarà a Roma per avere rassicurazioni sul fatto che il sottopasso tra via Aldo Moro e via XX Settembre si farà evitando così di dividere spiega, lo Scalo in due. Sul progetto complessivo però si andrà avanti con il ricorso al Tar (Tribunale regionale amministrativo) Lazio. Un ricorso annunciato dal sindaco stesso e deciso per quelle che sono ritenute le troppe criticità ambientali che l'opera comporterebbe.

Parliamo del raddoppio ferroviario Pescara-Roma e il 9 maggio è la data in cui a Roma si terrà la conferenza dei servizi convocata da Rfi cui l'amministrazione di Manoppello è stata invitata a partecipare. Saranno proprio i lotti 1 e 2 (Interporto d'Abruzzo-Manoppello e Manoppello-Scafa) oggetto della conferenza dei servizi e De Luca ci sarà “per ribadire le nostre posizioni sull’infrastruttura. Nel testo pervenuto – sottolinea - , sono state riconosciute le criticità sulla viabilità comunale, ma purtroppo solo adesso e dopo più di un anno di lavori, osservazioni, sopralluoghi e incontri. Criticità che sembrerebbero risolte solo in parte con la realizzazione di un sottopasso tra via Aldo Moro e via XX Settembre. A Roma ribadiremo i concetti di tutela del territorio, la contrarietà al raddoppio in affiancamento nel cuore della città, il rammarico per non aver voluto percorrere la soluzione progettuale della Variante Interporto, nella piena convinzione che l’opera sia strategica per l’Abruzzo, ma solo se ultimata nell’intero tracciato”.

“Mentre andremo avanti per le vie legali con il ricorso al Tar elencando le criticità progettuali non prese in considerazione dalla direzione Via (Valutazione di impatto ambientale) – ribadisce - interverremo alla conferenza dei servizi per chiedere, nel merito del progetto rassicurazioni sulla realizzazione del sottopasso carrabile, non previsto nel progetto di Fattibilità tecnica ed economica (Pfte) di Rfi, con conseguente soppressione del passaggio a livello”.

In previsione dell'incontro romano il sindaco De Luca ha organizzato per il 5 maggio un incontro sul tema cui parteciperà tutto il consiglio counale, oltre ai rappresentanti del comitato cittadino Comferr “con l’obiettivo - conclude di condividere le future strategie e intervenire con una linea unitaria e condivisa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio ferroviario, il sindaco di Manoppello a Roma per chiedere rassicurazioni sul sottopasso che "salverà" lo Scalo

IlPescara è in caricamento