Sabato, 25 Settembre 2021
Politica

Provincia Chieti - Pescara, Testa replica a Di Giuseppantonio

Il Presidente della Provincia Guerino Testa replica alle dichiarazioni del presidente della Provincia di Chieti riguardanti la fusione dei due territori

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPescara

“Non è mai esistita e mai esisterà una subalternità di Pescara a Chieti. Sono due
territori diversi, con due storie diverse e uno sviluppo a velocità differenti tanto
che oggi Pescara è definita da tutti il capoluogo economico della regione Abruzzo,
senza voler scippare il titolo a nessuno. E per il futuro è auspicabile mantenere
questa centralità”. Lo dice il presidente della Provincia di Pescara, Guerino Testa,
commentando le dichiarazioni del presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di
Giuseppentonio, in relazione all’accorpamento degli enti di cui si sta discutendo a
livello nazionale. “Il mio collega si appella ai criteri numerici che il Governo Monti
intende prendere in considerazione per ridurre le Province – sottolinea Testa. Come
ho già commentato nei giorni scorsi questi parametri sono risibili, e basti pensare
al dato della popolazione: la provincia di Pescara assorbe ogni giorno cittadini
che arrivano da altri territori e in estate le presenze si moltiplicano in maniera
considerevole, per cui torno ad auspicare che si pensi a criteri più rispondenti alla
realtà, per non dire più ragionati e intelligenti”.
Testa fa riferimento anche all’aspetto delle spese da ridurre. “I costi della pubblica
amministrazione vanno tagliati senza alcun dubbio, dice. I servizi di Province
attigue possono essere accorpati senza campanilismi e stupide battaglie legate al
territorio, ma a parte questi sacrosanti principi non si può ignorare che oggi Pescara
– con i territori limitrofi - è un centro propulsivo, un polo attrattivo non solo a
livello regionale, dispone di infrastrutture di prim’ordine, ha un ospedale che molti
raggiungono anche da fuori Abruzzo. Di certo questa provincia non può essere
relegata a periferia di Chieti, senza offesa per Chieti e per chi risiede in quell’area. La
storia ha dimostrato che come territorio abbiamo corso più di altri per conquistarci
un posto in primo piano, a cui non vogliamo rinunciare. Torno a chiedere a tutti –
conclude Testa - una discussione ragionata, evitando boutade estive che alimentano
solo le polemiche”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia Chieti - Pescara, Testa replica a Di Giuseppantonio

IlPescara è in caricamento