rotate-mobile
Politica Rosciano

I sindaci dell'entroterra pescarese firmano un protocollo per tutelare e valorizzare il Tratturo Magno

È stato sottoscritto oggi a Rosciano il protocollo che coinvolge anche i sindaci di Cepagatti, Nocciano, Pietranico, Corvara

Un protocollo per tutelare e valorizzare il "Tratturo Magno" ed in generale i tratturi storici dell'entroterra pescarese. A firmare l'accordo a Rosciano con il sindaco Simone Palozzo si è fatto promotore dell'iniziativa, i primi cittadini Gino Cantò del Comune di Cepagatti, Lorenzo Mucci del Comune di Nocciano, Francesco Del Biondo del Comune di Pietranico, Guido Di Persio del Comune di Corvara, alla presenza del presidente della Provincia Ottavio De Martinis e del presidente del consiglio regionale Lorenzo Sospiri.

Palozzo ha spiegato che l'obiettivo dell'accordo è quello di coinvolgere i comuni aderenti nella creazione di itinerari storici-archeologici, per il recupero e la tutela dei valori, delle memorie e dei saperi locali, valorizzando i beni culturali nascosti e dimenticati e promuovendo la bio-agricoltura, la pastorizia, le risorse ambientali ed enogastronomiche quali sistemi di sviluppo dell'impresa del territorio. Rosciano sarà il Comune capofila e coordinerà le attività previste a partire dallo studio di fattibilità tecnica ed economica da sottoporre alla Regione Abruzzo:

Il Tratturo è simbolo della nostra tradizione ed ha a lungo rappresentato l'economia delle nostre comunità. A noi il compito di far ripartire il cammino dei pastori, ovviamente rivisitato in chiave moderna”. Sospiri ha aggiunto:

“Il protocollo odierno si inserisce perfettamente nel quadro dell’accordo di partneriato stipulato nel maggio 2021 ‘Parchi, Pastori, Transumanze e Grandi Vie della Civiltà’ con le regioni Basilicata, Campania, Marche, Molise, Piemonte, Puglia e Veneto, che vede l’Abruzzo capofila per la realizzazione di un itinerario turistico-culturale-ambientale che, attraversando sette regioni italiane, a partire dall’Abruzzo, porti alla ribalta la straordinaria ricchezza naturalistica delle vie dei tratturi e della transumanza con l’obiettivo di valorizzare il turismo delle aree interne, contrastare lo spopolamento dei piccoli borghi, trasformare in occasionedi occupazione quel patrimonio che rischia l’abbandono.

Un’iniziativa che ha già dato il via alla realizzazione del Masterplan Parcovie 2030, candidato ai fondi del Recovery Plan, per poi intercettare una pioggia di fondi europei Pon, e parliamo di un programma del valore complessivo
di 1miliardo 423milioni 125mila euro, valido per sette Regioni per dieci anni. Ora dobbiamo passare alle progettualità che dovranno mirare a recuperare e restituire nuova vita e visibilità alle cristianissime vie commerciali dei Tratturi con l’obiettivo di favorire la riscoperta di un pezzo della nostra storia pastorale e collegare giacimenti culturali, turistici, ambientali ed enogastronomici ai fini turistici. " L'obiettivo, quindi, è quello di trasformare le vie dei tratturi in un nuovo paradigma per lo sviluppo turistico ed economico delle aree interne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindaci dell'entroterra pescarese firmano un protocollo per tutelare e valorizzare il Tratturo Magno

IlPescara è in caricamento