menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Carlo Masci

Il sindaco Carlo Masci

Prorogata la didattica a distanza nelle scuole d’infanzia, Masci firma l'ordinanza

Ora è arrivata l'ufficialità: tutti a casa ancora fino al prossimo 21 marzo. Il sindaco: "Decisione condivisa con i colleghi degli altri Comuni dell’area pescarese". Gli asili nido restano aperti

Ora è arrivata l'ufficialità: la didattica a distanza è stata prorogata anche nelle scuole d’infanzia fino al prossimo 21 marzo. Il sindaco Carlo Masci aveva anticipato l'intenzione di attendere prima il report della Asl, in cui "si evidenzia che l’andamento della situazione epidemiologica nella provincia di Pescara e il sovraccarico di ricoveri e di servizi ospedalieri presso il nosocomio Santo Spirito rendono necessarie azioni urgenti atte a contenere l’andamento del contagio - informa una nota del Comune - Pertanto il primo cittadino di Pescara ha sottoscritto nel primo pomeriggio il provvedimento che dispone e conferma, a far data dal 15 marzo 2021 e fino al 21 marzo 2021, la sospensione di tutte le attività didattiche in presenza nelle scuole comunali dell’infanzia di Pescara, comprese quelle private".

Ecco cosa ha detto il sindaco:

"È una decisione che ho condiviso con i colleghi degli altri Comuni dell’area pescarese, oltre che con le autorità di Governo e i vertici della Asl. I responsabili medici, il dottor Parruti e il dottor Polidoro, hanno confermato con chiarezza la necessità di tenere chiuse le scuole per contrastare la diffusione del virus, e questo non perché le scuole siano luoghi principali di contagio ma perché potenzialmente pericolosi in quanto di massima aggregazione di bambini, giovani e personale docente e non docente".

Dunque niente lezioni in presenza, in virtù dei nuovi dati sull’andamento della pandemia nel territorio pescarese. L’atto tiene conto, inoltre, dell’ordinanza emessa ieri dal governatore Marsilio, che impone lo stop alla didattica in presenza anche nelle scuole primarie e medie, e del Dpcm firmato il 2 marzo scorso dal premier Draghi. Gli asili-nido, come già accaduto nelle settimane precedenti, possono invece continuare ad accogliere i più piccoli (fino a 36 mesi).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento