rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Politica

Approvato dal consiglio comunale il progetto del parco nord, la soddisfazione di Sospiri

Voto favorevole per l'assise civica per l’approvazione definitiva della variante urbanistica relativa al progetto del parco nord

Il consiglio comunale di Pescara ha votato l'approvazione definitiva della variante urbanistica relativa al progetto del parco nord nel corso della seduta odierna, lunedì 17 ottobre.
Un passaggio che per il presidente del consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, «segna di fatto il punto di partenza di un’iniziativa destinata a cambiare il volto di una fetta straordinaria della città, la nostra "porta verso nord"».

È stata approvata la variante adottata lo scorso giugno su delibera dell’assessore all’Urbanistica, Isabella Del Trecco.

Come ricorda Sospiri si tratta di «un progetto che ha la necessaria copertura finanziaria del Cipess, in seguito alla candidatura dello stesso proposta dalla Regione Abruzzo, e che ha tutte le caratteristiche di piena fattibilità, un progetto che ci permetterà di realizzare un parco più grande a servizio della città e di spostare una quota di volumetrie su un’area più a sud, dove già sono previste delle urbanizzazioni, senza alcun aggravio di cubature, senza alcun appesantimento per il territorio, con un’operazione straordinaria di tutela ambientale».

Poi Sospiri fornisce ulteriori dettagli: «L’area interessata dall’intervento è classificata nel piano regolatore come F1 verde pubblico – parco pubblico e ricade nella zona nord a confine con il comune di Montesilvano, compreso tra la riviera e la cosiddetta strada parco-via Castellammare, ex tracciato ferroviario, un progetto che mira alla realizzazione del parco nord, con la valorizzazione di un’area verde da destinare alla piena fruizione della cittadinanza, come naturale prolungamento verso ovest della confinante riserva naturale statale "Pineta di Santa Filomena", con l’obiettivo di trasformarla nel più importante polmone verde dell’area nord della città, al pari della pineta dannunziana nella parte sud. Il progetto è stato concretizzato nel masterplan porta nord; quando il Comune di Pescara ha riscontrato l'esistenza di volumetrie potenzialmente incidenti sull'attuazione delle previsioni del parco nord, peraltro finanziato anche con fondi del piano nazionale di rinascita e resilienza, ha deliberato di avviare un iter urbanistico perequativo da definirsi all’interno di un accordo procedimentale che contemplasse una variante specifica alle previsioni del piano regolatore in coerenza con il masterplan già approvato dal consiglio comunale».

Così conclude Sospiri: «Nella variante abbiamo fissato due paletti: in primo luogo che l’iter urbanistico dovesse essere preceduto dall’acquisizione di un parere in ordine allo stato del procedimento edilizio avente a oggetto l’intervento di ristrutturazione mediante demolizione e ricostruzione degli edifici ricadenti nell'ambito del cosiddetto parco nord; che detto avvio, comunque, dovesse essere preceduto dalla sottoscrizione di un accordo preliminare che contenesse gli elementi negoziali oggetto dell’accordo finale. Il settore pianificazione del territorio e demanio ha acquisito il parere reso dal dirigente del settore sviluppo economico – servizio Sue e condoni in merito allo stato del procedimento amministrativo ed è stata predisposta la proposta di variante al piano regolatore prevedendo il recupero di un’area minima da destinare a parco attrezzato, coincidente con l'attuale destinazione di Prg sottozona F1 - verde pubblico parco pubblico, consentendo dunque la realizzazione di un parco più grande, e poi un’area in cui poter recuperare e delocalizzare le volumetrie e i diritti edificatori insistenti sulle aree da destinare a parco attrezzato. Nello specifico con la Variante andremo a delocalizzare in uno spazio più a sud il volume edilizio privato, relativo al fabbricato denominato ‘B’ e delle sue pertinenze, poi consentiremo la possibilità di una diversa distribuzione dei volumi edilizi dei fabbricati denominati ‘A’ e ‘B’; infine è stata confermata l’altezza massima di 6 metri dei fabbricati così come prevista dall’art. 50 delle Nta Il voto favorevole del Consiglio comunale oggi ci permette di dare operatività a tale piano e a questo punto andiamo avanti verso la cantierizzazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvato dal consiglio comunale il progetto del parco nord, la soddisfazione di Sospiri

IlPescara è in caricamento