rotate-mobile
Politica Popoli

Progetto ferrovia Pescara-Roma, la consigliera Combattelli: "Nasce male con l'esclusione di Popoli"

A sostenerlo è la consigliere comunale Vanessa Combattelli che si dice contraria al progetto di prefattibilità di Rfi per quanto esclusivamente riguarda il tratto tra Pratola Peligna e Torre de' Passeri

Il progetto per la velocizzazione della ferrovia Pescara-Roma nasce male perché esclude Popoli ripetendo errori del passato.
A sostenerlo è la consigliere comunale Vanessa Combattelli che si dice contraria al progetto di prefattibilità di Rfi per quanto esclusivamente riguarda il tratto tra Pratola Peligna e Torre de' Passeri.

Tratto per il quale è stata prevista una variante con una galleria di 13 chilometri sotto al Monte Morrone, eliminando Popoli dal percorso della linea.

«Premetto che non si tratta di una polemica strumentalizzabile politicamente da alcune fazioni, poiché ben poco mi interessa di ideologizzare una simile realizzazione», sottoline la Combattelli, «le mie osservazioni si basano del tutto su un sano pragmatismo di cui chiunque dovrebbe essere provvisto. I progettisti, oltre a non conoscere evidentemente il territorio, rivelano di non avere memoria di cosa ha già comportato la realizzazione del traforo autostradale del Gran Sasso per l'A24: vittime fra gli operai, altissimi costi economici, tempi molto lunghi di realizzazione, gravi danni ambientali e alti costi di manutenzione permanenti. Ed il tutto semplicemente per saltare a pie' pari le difficoltà legate al raddoppio del binario nel quartiere Decondre, in un modo magari più semplice dal punto di vista progettuale e burocratico, evitando molti espropri, ma con costi enormi non solo dal punto di vista economico, ma anche sociale ed ambientale, visto che il tunnel in programma attraverserebbe una faglia e rischierebbe di compromettere una sorgente importantissima. E il tutto per risparmiare pochissimi minuti, dato che il tratto attuale,  perlopiù di campagna, ha già un tracciato assai comodo e tempi di percorrenza più che dignitosi, visto che oggi da Pratola Peligna a Torre de' Passeri si impiegano soltanto 17 minuti, compresa la fermata a Popoli».

Infine la consigliera comunale ricorda ai progettisti che «se proprio una variante deve essere realizzata, si potrebbe prendere in considerazione il lato opposto, prevedendo un percorso simile a quello dell'autostrada, quindi con una galleria estremamente più breve».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto ferrovia Pescara-Roma, la consigliera Combattelli: "Nasce male con l'esclusione di Popoli"

IlPescara è in caricamento