menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Progetto area di risulta, Antonelli: "Decidere dopo le elezioni comunali"

Il consigliere comunale della Lega interviene in merito al dibattito sulla delibera riguardante la riqualificazione dell'area di risulta

Rimandare la delibera sull'area di risulta a dopo le elezioni comunali, quando in caso di vittoria del centrosinistra potrebbe tornare già in aula il 27 maggio facendo ripartire l'iter con il progetto attuale, altrimenti in caso di vittoria del M5S o del centrodestra, ridiscutere completamente l'intero progetto.

Il consigliere della Lega Antonelli interviene nuovamente sulla questione della delibera per la riqualificazione dell'area di risulta, aggiungendo di aver chiesto nuovamente al sindaco di fermare la macchina procedurale anche in caso di approvazione, per far sì che il destino di quei 13 ettari venga deciso con la prossima consiliatura.

AREA DI RISULTA, IL DIBATTITO ENTRA NEL VIVO

Antonelli poi critica il comportamento di alcuni consiglieri comunali:

"Oggi mi sono ritrovato con tanti banchi del centrodestra vuoti e tanti banchi invece occupati da chi si ritrova in Consiglio comunale solo perchè era agganciato al sindaco Alessandrini e che dopo cinque anni trascorsi nella maggioranza di sinistra, con l’ennesima virata pensa di rifarsi una verginità politica trasmigrando nel centrodestra. La verità è che siamo agli sgoccioli di una consiliatura confusa per cinque anni, e oggi non credo che in tanti possano parlare, anzi tanti dovrebbero tacere avendo in cinque anni votato le delibere solo per ordini superiori."

Antonelli ribadisce come il centrodestra abbia idee diametralmente opposte rispetto alla maggioranza sulle dimensioni e funzione del Parco Centrale e sui box auto, mentre è aperto al dialogo per il terminal bus ed i parcheggi, aggiungendo che con questo progetto Alessandrini determinerà un buco per vent'anni di oltre 1 milione di euro:

È certo che nessuno potrà mai accontentare tutti, ma possiamo garantire una effettiva partecipazione dei cittadini con uno strumento che non è quello delle Osservazioni. Oggi ce ne sono più di 5mila, ma è evidente che i cittadini contrari al progetto della sinistra sono molti di più.  La delibera si giocherà con le prossime elezioni di fine maggio, quando la città si esprimerà anche su questo tema: questo è un progetto che ha certamente dei limiti, ma che può essere in parte salvato apportando delle sostanziali modifiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento