rotate-mobile
Politica

Tre progetti degli studenti del "Misticoni - Bellisario" in finale per il contest del Comune "Pescara Young"

Questa mattina 12 maggio c'è stato il primo incontro all'Aurum, con il sindaco Carlo Masci e l'assessore Patrizia Martelli, per la fase 2 del progetto

Tre progetti degli studenti del liceo artistico "Misticoni Bellisario" si sono guadagnati la finale del progetto ‘Pescara Young’ presentando elaborati inerenti la ‘costruzione’ della Pescara per i giovani, proponendo la realizzazione di spazi dedicati e destinati alla ricerca, al divertimento, allo studio, ma soprattutto alla socializzazione. Lo ha fatto sapere l'assessore comunale Patrizia Martelli a seguito del primo incontro della fase 2 che si è tenuto oggi 12 maggio all'Aurum, alla presenza anche del sindaco di Pescara Carlo Masci. Pescara Young ha lo scopo di avviare il bilancio partecipativo partendo dalle scuole e avvicinando i ragazzi alle pratiche della cittadinanza attiva, stimolando la discussione sui bisogni dei giovani rispetto alla città e al territorio, favorendo la ricerca di aggregazione e di sintesi tra le varie istanze emerse in un contesto di carenza di risorse ha spiegato l'assessore Martelli che ha aggiunto:

"In altre parole, abbiamo chiesto ai ragazzi di pensare alle esigenze che avvertono come preminenti e di interesse collettivo e di tradurle in progetti concreti, assegnando loro un costo, per consentire loro non solo di esprimere le proprie necessità, ma anche di sperimentarne poi la reale fattibilità scontrandosi anche con tutte le difficoltà che quotidianamente deve affrontare e superare un pubblico amministratore. I destinatari del progetto sono i giovani tra i 14 e i 19 anni che hanno partecipato con la propria classe. All’iniziativa hanno aderito gli studenti dell’istituto tecnico ‘Acerbo’ e quelli del Mibe, il liceo artistico ‘Misticoni-Bellisario’ e oggi abbiamo presentato i tre Progetti che si sono aggiudicati la fase finale, tutti elaborati da tre diverse classi del Mibe, tutti diversi tra loro ma con un comune denominatore, ovvero la volontà di chiedere all’amministrazione di investire per costruire, realizzare, uno spazio di condivisione, dove i ragazzi possano ritrovarsi e incontrarsi per trascorrere delle ore in compagnia, magari per giocare, o per studiare, leggere, parlare, o anche per svolgere orientamento universitario o professionale. "

Elemento fondamentale, ha ricordato l'assessore, è quello però della socializzazione che dopo due anni di pandemia diventa cruciale con una profonda mutazione dei rapporti interpersonali dovuta alle restrizione e all'uso dei contatti virtuali.

"L’amministrazione è consapevole di quanto sia importante oggi restituire ai ragazzi spazi di socializzazione e per questo finanzieremo con 30mila euro la realizzazione del progetto che verrà selezionato dagli stessi giovani, mentre tutte le proposte ricevute diventeranno la base da cui avviare il servizio dell’Informagiovani”.

A illustrare il primo Progetto ‘Pescara Crea’ è stata la studentessa Chiara Di Berardino, della classe III A del Mibe, “l’idea è quella di individuare a Pescara un luogo in cui si possano fare eventi artistici, o creare progetti da presentare alla città in contest tematici e da finanziare con borse di studio prevedendo un budget”.

Il secondo progetto ‘Multispazio’ è stato presentato dalla studentessa Aurora Stella Pagliaro della classe IV E, che ha presentato la proposta di “realizzare un spazio molteplice in cui fare pittura, cultura, studio, o anche per momenti di divertimento, uno spazio che sia elastico e che possa essere differenziato in aree diverse utilizzando pannelli fonoassorbenti e arredando gli stessi spazi con materiali di riciclo”. Il terzo e ultimo progetto in finale, ‘A braccia aperte’ è stato presentato dagli studenti Vincenzo Ciccarelli e Alessandro Spacca, della classe IV A, che hanno proposto “la realizzazione di una struttura polivalente da utilizzare per servizi di orientamento nel mondo del lavoro e della formazione, ma anche per ospitare minispettacoli ed eventi per soddisfare le esigenze di un liceo artistico, e ancora uno spazio in cui favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, per svolgere corsi di comunicazione e di self-management”.

Mercoledì 18 maggio ci sarà il secondo incontro della fase di analizzando costi e dettagli delle tre proposte, con le relazioni degli attori del territorio e nello storytelling, mentre il 26 maggio le proposte saranno nuovamente presentate pubblicamente con il voto finale per individuare la proposta da finanziare e realizzare ha concluso la Martelli.

aurum pescara young-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre progetti degli studenti del "Misticoni - Bellisario" in finale per il contest del Comune "Pescara Young"

IlPescara è in caricamento