menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il presidente Tua Giuliante replica alle polemiche sul taglio delle corse: "Pescara è in zona rossa da tempo"

Il presidente dell'azienda pubblica dei trasporti abruzzesi interviene in merito alla questione della riduzione delle corse dovuta alle restrizioni in atto

Il presidente Tua Giuliante interviene in merito alle polemiche relative alla questione del taglio delle corse degli autobus a Pescara e provincia a causa della zona rossa imposta con ordinanza regionale per il contagio da Coronavirus. Il presidente dell'azienda pubblica dei trasporti parla di polemiche sterili considerando che queste esistevano già prima dell'attuazione del taglio del 10%, con un presunto disagio denunciato già prima di essere patito:

Il sindaco di Pescara “macina appelli” acché i cittadini non escano se non per urgenze e multa i contravventori. Sembra evidente che i cittadini “non girino” così come è a tutti evidente e che, conseguentemente, la presenza sugli autobus sia irrisoria (dal 70 all’80 per cento in meno). Pescara è stata già in passato in zona rossa e la Regione aveva autorizzato fino all’80 per cento dell’abbattimento delle corse.

Oggi è nuovamente in zona rossa, ma la Regione e TUA hanno concordato solo un abbattimento del 10 per cento e dopo aver monitorato le corse con minore frequenza per le quali si è comunque trovata una soluzione coprendole con una diversa gestione dei passaggi autobus (si dice che la linea 38 è stata tagliata, ma si omette di aggiungere che la linea 3 ha avuto un aumento di produzione per coprirne i tagli).

Giuliante evidenzia come la polemica sia ancora più strumentale se si pensa che questi tagli identici e sovrapponibili sono stati attuati per tre mesi durante lo scorso semestre quando l'Abruzzo era tutto zona arancione e si poteva girare e dunque sarebbe solo un costo ulteriore per la collettività quello di far girare più autobus quasi a vuoto sperando in un rimborso dallo Stato.

La Tua non scarica nessuna “colpa” sulla Regione Abruzzo con la quale ha condiviso e condivide tale decisione, la più logica e funzionale!, apprezza il lavoro dell’assessorato e del dipartimento che agisce secondo scienza e coscienza e, certamente, senza il velo dell’etnocentrismo che comunque quando si critica senza conoscenza e costrutto è destinato ad avere il respiro breve.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pescara usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento