Blasioli sul Ponte del Mare di Pescara: "Il centrodestra ha paura dei fantasmi del passato"

Il consigliere comunale del PD Antonio Blasioli esprime la propria opinione in merito ai ritardi nell'apertura del Ponte del Mare. Alle dichiarazioni del sindaco, che incolpava la vecchia amministrazione, ha voluto replicare: "Scuse nell'apertura dell'opera per sfuggire ai fantasmi del passato che li perseguitano"

"La verità è che Mascia ed il centrodestra tentano in ogni modo di ritardare l'apertura del Ponte per timore dei fantasmi del passato che li perseguitano".
Questa la dichiarazione del consigliere Blasioili del PD, che è voluto intervenire in prima persona riguardo le accuse del sindaco rivolte alla vecchia amministrazione in merito ai problemi del Ponte del Mare.

Blasioili replica alle singole accuse e problematiche sollevate dal sindaco, partendo dalla questione del collaudo. "Il collaudo si effettua alla consegna dei lavori. E' sindaco da cinque mesi, quindi i ritardi nei collaudi sono imputabili solo all'attuale Giunta. Comunque, se davvero i collaudi avverrano il 2 novembre prossimo, due giorni dopo il Ponte potrebbe essere già aperto", dichiara l'esponente del PD.

Sul possibile ritardo da imputare alla richiesta di circa un milione di euro aggiuntivi da parte dell'azienda costruttrice, a seguito dei ritardi nei lavori imputabili allo slittamento della consegna delle aree, Blasioli ricorda al sindaco come un contenzioso fra appaltante ed appaltatore, sia purtroppo una consuetudine frequente, ma che in nessun caso deve interferire con la normale apertura del Ponte. "Sono ritardi tutti da dimostrare, e che credo saranno facilmente smentiti. Restano comunque questioni legali e tecniche che nulla hanno a che fare con l'apertura della struttura" prosegue Blasioli.

Infine, sui mancati pagamenti di alcuni benefattori che dovevano operare cospicue donazioni, il consigliere del PD ricorda al sindaco come questi avverranno solo dopo aver ricevuto regolare fattura, e che il denunciare ritardi sui pagamenti tramite la stampa sia una testimonianza dell'incapacità amministrativa dell'attuale esecutivo cittadino.

AGGIORNATO ALLE ORE 14,30 DEL 26 OTTOBRE 2009


Alle accuse ricevute dal centrosinistra, che ha parlato di ritardi ingiustificati per quanto riguarda l'apertura del Ponte del Mare, risponde prontamente il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia.

Il primo cittadino pescarese ha sottolineato come il centrosinistra abbia avuto un atteggiamento ipocrita nell'attaccare il centrodestra, in quanto è ben consapevole delle grosse problematiche di natura burocratica e finanziaria che ha lasciato all'attuale Giunta per quanto riguarda il completamento del Ponte.

"Il ritardo nell'apertura del Ponte del Mare non è assolutamente imputabile al centrodestra. Sono emersi tantissimi problemi di vario genere, ereditati dalla vecchia amministrazione che nel mese di maggio operò quella ridicola presentazione pubblica dell'opera." ha dichiarato Mascia.

"Ci sono ritardi negli ultimi collaudi, dovuti a delle divergenze fra i tecnici riguardo le modalità da utilizzare per questa delicata e lunga operazione, oltre a problemi con i fornitori e le aziende che hanno lavorato alla realizzazione del Ponte. L'azienda costruttrice ci ha chiesto circa 1,8 milioni di euro in più rispetto all'appalto iniziale, in quanto la vecchia amministazione non aveva deliberato in tempo la cessione di alcune aree da utilizzare, causando il prolungamento dei lavori per circa 270 giorni aggiuntivi. Abbiamo incontrato il responsabile dell'azienda, con il quale cercheremo di trovare un accordo" prosegue il sindaco.

"Inoltre, ci risulta che due dei mecenati benefattori che avevano promesso di erogare circa 480 mila euro totali, non hanno mantenuto completamente le promesse e mancano quindi in cassa diverse centinaia di migliaia di euro. Mi meraviglio dell'atteggiamento del PD e del consigliere Blasioli, che dovrebbe conoscere bene le problematiche del Ponte." conclude il sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento