rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Politica

Taglio del nastro per il Polo bibliotecario Aternino: messi gli arredi diventerà un luogo culturale aperto alla città [FOTO]

Un obiettivo raggiunto sottolinea l'assessore comunale alla Cultura Maria Rita Carota che insieme al presidente del consiglio comunale Marcello Antonelli e il sindaco Carlo Masci ha presentato ufficialmente il progetto negli spazi del circolo dove è terminato l'importante progetto di riqualificazione strutturale

Che negli omonimi spazi di corso Manthoné nascerà il Polo bibliotecario Aternino IlPescara lo ha anticipato qualche giorno fa, ma ora a illustrare nel dettaglio il progetto con cui l'amministrazione mira a farne un luogo di conoscenza, aggregazione e condivisione è l'assessore comunale alla Cultura Maria Rita Carota che l'ha inaugurato. I lavori di manutenzione straordinaria infatti sono terminati: non resta che sistemare i nuovi arredi acquistati anche grazie, rimarca Carota, ai 50mla euro messi a disposizione dalla Regione.

Un patrimonio culturale di grande rilevanza quello che il nuovo polo bibliotecario custodirà e metterà a disposizione della cittadinanza e cioè le collezioni della Biblioteca civica Vittoria Colonna, il Fondo Pansa, i volumi del Museo delle Genti d’Abruzzo e la Biblioteca del Museo Civico Cascella.

“Scaffali, volumi e spazi di lettura saranno allestiti al pianterreno, il primo piano potrà continuare a ospitare eventi e presentazioni di libri, nel sottotetto andremo ad allestire le sale lettura con consultazione multimediale e digitale”, spiega Carota.

Polo bibliotecario Aternino - corso Manthoné

“Su tutti i livelli dell’immobile abbiamo provveduto a recuperare il parquet rovinato da infiltrazioni di acqua piovana, attraverso la sua lucidatura, e a sostituire integralmente i listelli danneggiati – continua parlando dell'intervento di manutenzione straordinaria realizzato -; poi abbiamo cambiato gli infissi che purtroppo non avevano guarnizioni adeguate a tenuta e hanno permesso nel tempo le stesse infiltrazioni. Il ringraziamento va alle Genti d’Abruzzo che sino a oggi hanno ospitato volumi e collezioni consentendone anche la consultazione al pubblico, all’ingegner Marco Polce e alla Time Rivestimenti, e poi all’ufficio Cultura che ci ha permesso di riqualificare uno spazio storico e straordinario che andrà a valorizzare anche l’antistante piazza Garibaldi e la stessa Corte interna. Fondamentale – dice ancora Carota - il ruolo giocato dalla presidenza del consiglio comunale e anche la collaborazione di alcuni consiglieri comunali che hanno condiviso l’istituzione del Polo che ora verrà gestito dalle Genti d’Abruzzo”.

“L’idea progettuale è stata sicuramente condivisa dal consiglio comunale, ma poi – aggiunge il presidente del consiglio comunale uscente Marcello Antonelli – il merito è di chi ha riempito di concretezza un’idea, a dimostrazione che sono gli esseri umani a fare la differenza. In questo caso la differenza porta il nome dell’assessore Carota che ha dimostrato capacità di lavoro e di stimolo restituendo un senso e un significato al Circolo Aternino”.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

“La prima proposta lanciata dalle Genti d’Abruzzo sul Circolo Aternino porta la data del 2011, ma sino a oggi non avevamo mai trovato le condizioni per raggiungere il risultato odierno. Nel frattempo – spiega quindi Ermanno De Pompeis che il museo lo rappresenta – le collezioni da ospitare si sono incrementate e l’idea del Polo Bibliotecario è sicuramente vincente”.

Alla presentazione del progetto svoltasi proprio al circolo Aternino, erano presenti anche il sindaco Carlo Masci, l’ingegner Marco Polce che ha redatto il progetto di rifunzionalizzazione e i rappresentanti della Time Rivestimenti, l’impresa che si è aggiudicato l’intervento di manutenzione straordinaria.

Andando nel dettaglio del patrimonio culturale delle biblioteche che saranno ospitate nel nuovo polo, quella della Fondazione Genti d'Abruzzo che gestisce le attuali è costituita da una raccolta di circa 2mila 800 volumi, mille opuscoli e 50 periodici. Testi che trattano di preistoria e storia della regione, etnografia, etnomusicologia ed etnocoreutica, pastorizia, storia dell’arte e dell’architettura. La biblioteca civica ‘Vittoria Colonna’ conta circa mille e 400 volumi, è costituita da una sezione moderna di cultura generale, con enciclopedie e collane di vario genere, una raccolta di testi sulla storia dell’arte e pubblicazioni sulla storia locale.

Il patrimonio culturale che sarà custodito nel polo bibliotecario Aternino

Un patrimonio che si è ampliato nel tempo grazie soprattutto a donazioni che gli consentono di vantare il fondo storico ‘Giovanni Pansa’ e cioè, il patrimonio raccolto tra il XIX e XX secolo dallo studioso sulmonese che comprende circa 2mila volumi, 3mila 100 opuscoli e 32 periodici. Tra i volumi si segnalano un incunabolo, 44 cinquecentine, circa mille 300 edizioni del ‘600, ‘700 e ‘800, 114 manoscritti in gran parte riguardanti tematiche regionali quali la preistoria, l’archeologia, l’etnografia, la storia dell’arte, la letteratura, la medicina popolare, la numismatica e la religione. La biblioteca del museo civico ‘Basilio Cascella’ rappresenta invece una piccola, ma significativa raccolta bibliografica di notevole importanza per lo studio e l’approfondimento della nota dinastia di artisti: è costituita da circa mille 400 volumi, suddivisi in due fondi principali, ossia il fondo Cascella (volumi di arte, scienze e letteratura raccolti dagli stessi membri della famiglia Cascella nel periodo antecedente al 1968, anno in cui il laboratorio litografico sede dell’attuale Museo, venne donato al Comune di Pescara) e il fondo Palermi (volumi di storia dell’arte in seguito acquistati dal Comune di Pescara). La collezione, arricchita da numerosi periodici locali e nazionali, è di grande importanza anche per la contestualizzazione e lo studio dell’arte italiana ed europea del XIX e XX secolo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglio del nastro per il Polo bibliotecario Aternino: messi gli arredi diventerà un luogo culturale aperto alla città [FOTO]

IlPescara è in caricamento