Sabato, 16 Ottobre 2021
Politica Centro / Via Alcide de Gasperi

Pericoli ed ostacoli sulla pista ciclabile di via De Gasperi - FOTO -

Sopralluogo questa mattina da parte della commissione comunale mobilità presieduta da Armando Foschi della Lega

Pista ciclabile piena di pericoli per i ciclisti ed ostacoli, schivando colonne di auto parcheggiate, con un percorso ormai diventato quasi invisibile e che mettere seriamente a rischio l'incolumità di chi lo percorre. A denunciare la situazione della pista ciclabile lato mare realizzata in via De Gasperi è il presidente della commissione mobilità Foschi, che ha eseguito questa mattina un sopralluogo sul posto assieme al responsabile comunale Pardi.

NUOVA PISTA CICLABILE IN VIA DELLA PINETA: È POLEMICA

Foschi sottolinea come quel progetto sia stato contestato fin dall'inizio, con una pista semplicemente pitturata a terra con un'unica direzione di marcia sud - nord che ha cancellato oltre una cinquantina di posti auto, aggiungendo che in un'ora di sopralluogo solo due ciclisti l'hanno percorsa fra cui una donna ritrovata incastrata fra le auto, che invece utilizzano proprio quella pista ciclabile come corsia di scorrimento veloce.

Non solo ad aggravare le pessime condizioni di manutenzione di una irrazionale pista ciclabile, sono gli scavi realizzati per il posizionamento della fibra e che hanno lasciato fossi, buche e una strada bombardata, senza un minimo cenno delle opere di ripristino del manto stradale che pure sarebbero previste nel contratto con il Comune. Ora, francamente ci pare molto difficile riuscire a sanare un tale disastro, né ci pare concepibile lasciare quella pista in quelle condizioni aperta ai ciclisti perché se è vero che con una buona opera di manutenzione si può riparare l’asfalto, è altrettanto vero che è impossibile pensare di eliminare gli incroci carrabili tra via De Gasperi-via Rieti e via L’Aquila, che significherebbe bloccare la viabilità in quella parte del territorio.

Due le ipotesi di soluzione secondo Foschi: o individuare soluzioni per renderla sicura e protetta, installando dossi o cordoli di separazione fra la strada e l'asse ciclabile, oppure quella più probabile di eliminalra in quanto è già depositato il progetto per la costruzione di un asse ciclabile sopraelevata sul lato monte della strada:

Secondo il progetto quest’opera si collegherà alla rete ciclabile prevista su via Caduta del Forte-Rampigna da un lato e, dall’altro, in piazza Garibaldi-via D’Annunzio-via Conte di Ruvo. Essendo in fase di progettazione, si potrà prevedere anche il suo collegamento con la pista esistente sulle aree di risulta, permettendo di restituire alla viabilità carrabile tutta via De Gasperi, con il ripristino di almeno 50 posti auto, ed evitando anche la pericolosa commistione con gli autobus pubblici, la cui fermata oggi spezza la stessa pista.

Foschi infine ha fatto sapere che a breve sarà portato in consiglio comunale un ordine del giorno per risolvere il problema e dare sicurezza ai ciclisti che percorrono quel tratto stradale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pericoli ed ostacoli sulla pista ciclabile di via De Gasperi - FOTO -

IlPescara è in caricamento