Politica

La richiesta del consigliere Pignoli (Udc) sugli stipendi ai lavoratori stagionali: "No a sfruttamento e speculazioni"

Il consigliere e capogruppo Udc interviene in merito al dibattito che si è acceso in città sulle offerte di lavoro per camierieri, baristi, pizzaioli, cuochi e lavapiatti

No a speculazioni o peggio sfruttamento dei lavoratori estivi stagionali. Il consigliere e capogruppo Udc al Comune Massimiliano Pignoli interviene in merito alla questione che negli ultimi giorni sta interessando l'opinione pubblica anche a seguito di numerose segnalazioni arrivate allo stesso consigliere, sugli annunci di lavoro di molte attività che cercano per la stagione in arrivo diverse figure professionali e lavorative come quelle di pizzaiolo, barista, cuochi, lavapiatti.
Se, da una parte questa presenza abbastanza importante di annunci evidenzia come l'economia finalmente stia ripartendo, dall'altro occorrono stipendi adeguati.

È vero che esercenti, balneatori e ristoratori in generale hanno dovuto fare i conti e pagare più di altri le conseguenze della pandemia che ha messo letteralmente in ginocchio diverse attività, alcune delle quali stentano a ripartire, ma è altrettanto vero che questi lavoratori devono essere pagati come meritano. Ricevo quotidianamente persone che sono rimaste senza lavoro e che chiedono a gran voce una occupazione, ma se poi per dieci, dodici ore di lavoro ci si sente offrire 500, 600 euro, allora il discorso cambia.

Il consigliere ribadisce che si tratta di lavori stancanti e impegnativi che dunque meritano un giusto compenso, e chi offre lavoro non può risparmiare e speculare offrendo vere e proprie elemosine:

Dal sottoscritto ci sarà sempre il massimo appoggio a chi lavora onestamente

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La richiesta del consigliere Pignoli (Udc) sugli stipendi ai lavoratori stagionali: "No a sfruttamento e speculazioni"

IlPescara è in caricamento