Pignoli replica alle accuse degli ultimi giorni: "Offese gratuite"

Il vicepresidente del consiglio comunale Massimiliano Pignoli ha risposto alle polemiche ed accuse degli ultimi giorni riguardanti l'assunzione in Provincia e la proposta di istituire le ronde in città. "Offese gratuite, ricostruzioni fantasiose"

Pubblichiamo il comunicato ricevuto dal vicepresidente del consiglio comunale Massimiliano Pignoli, riguardante le polemiche degli ultimi giorni che lo hanno visto protagonista per quanto riguarda l'assunzione in Provincia e la proposta di istituire le ronde in città.

"Leggo con sorpresa quanto riportato in data di ieri ed anche oggi su un noto quotidiano locale che riferisce in modo del tutto strumentale e fuorviante fatti che attengono alla mia persona assolutamente fantasiosi soprattutto per alcune considerazioni personali dell’estensore dell’articolo in vena, forse, di fantasiose ricostruzioni purtroppo per lui assolutamente irreali.

La mia nomina in seno allo staff del Presidente della Provincia, torno a ribadire, parte da lontano, ancor prima delle elezioni, allorquando in un incontro conviviale con l’allora candidato Testa avemmo modo di ragionare, nel caso di vittoria di quest’ultimo, su un mio ipotetico inserimento nel suo gruppo di lavoro.

La ragione di tale ipotesi nasceva dal riconoscimento, da parte del Presidente Testa, delle mie esperienze amministrative maturate sia come Consigliere Comunale, come Presidente di Circoscrizione e da ultimo come Presidente dell’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario Chieti Pescara.

Sono lieto che, quella che ieri sembrava solo una ipotesi, si sia concretizzata in un incarico prestigioso cui sono grato al Presidente Testa e posso affermare di essere pronto a coadiuvare il Presidente nel gravoso compito che lo attende di amministrare un Ente come la Provincia di Pescara .

Inoltre, tanto per integrare quanto erroneamente sotteso nell’articolo uscito in data di ieri, la mia storia personale non è mai stata segnata da “bluff” per cui respingo l’assurda ricostruzione che vorrebbe ridurre ad una manovra politica, con l’unico scopo di ottenere un incarico, la mia proposta di istituzione delle ronde.

Una ricostruzione ribadisco assurda che, tra l’altro, offende e svilisce il diritto-dovere di ciascun consigliere di esprimere liberamente le proprie opinioni senza doversi attenere per forza un pensiero unico.

Credo, viceversa, che sia mio preciso compito sostenere le mie idee con fermezza soprattutto nel rispetto del mandato elettorale conferitomi dagli elettori e se per fare questo qualche giornalista si risente e dalle colonne del suo giornale mi definisce - forse dietro suggerimento di qualcuno - sprezzantemente “battitore libero”, rispondo che detto da lui è un complimento.

Non devo certo essere io a ricordare come certi rappresentanti dei media, gli stessi che tra qualche giorno scenderanno pretestuosamente in piazza contro il presunto rischio di libertà di stampa, sono i primi a censurare senza remissione quei politici che si permettono di avere una idea propria magari diversa dalla maggioranza.

La mia fedeltà politica al Sindaco Mascia non viene messa in discussione solo perché ho avanzato una proposta non condivisa dalla coalizione, ma per questo non rinuncerò mai ad esprimere le mie idee perché, caro articolista, è solo dal confronto aperto e franco che si garantisce e tutela la libertà."


IL VICE PRESIDENTE VICARIO
Dott. Massimiliano Pignoli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento