menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il consigliere regionale Pd Pietrucci lancia un appello: "Coordinare il ritiro delle bombole d'ossigeno inutilizzate"

Il problema della scarsità di bombole d'ossigeno a disposizione è stato già più volte sollevato dalle farmacie abruzzesi

Attivare un coordinamento regionale e comunale, in accordo con Asl, Afm, Federfarma e ordine dei farmacisti per il ritiro a domicilio delle bombole d'ossigeno usate. La proposta arriva dal consigliere regionale Pd Pietrucci che riprende l'allarme lanciato qualche settimana fa proprio in merito alla mancanza di bombole, considerando che molti utenti dopo averle esaurite dimenticano di riportarle per farle riutilizzare dopo apposita ricarica.

Il problema, evidenzia Pietrucci, in questa fase acuta della pandemia è che risentono della mancanza di bombole anche i pazienti con patologie respiratorie non legate al Covid:

Eppure le farmacie hanno il tracciamento dei destinatari: sanno dove si trovano le bombole e dove possono essere recuperate. Le associazioni dei farmacisti, Aifa, Federfarma hanno gia' piu' volte rivolto appelli alle persone che ne usufruiscono per chieder loro di riconsegnarle. Ma questi appelli non hanno migliorato la situazione e la carenza si fa sentire soprattutto nella provincia aquilana che, in Abruzzo, e' la piu' colpita dal virus.

Secondo il consigliere, andrebbero create delle vere e proprie squadre, magari di volontari e della protezione civile, disponibili a essere coinvolte in questo prezioso lavoro, che ovviamente va coordinato a monte:

E' assurdo e grave che finora non si sia provveduto. Ma penseremo dopo alle responsabilita' e alle colpe. Adesso serve intervenire.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento