Martedì, 16 Luglio 2024
Politica

Entra nel vivo l'approvazione del nuovo piano sociale regionale, Quaresimale: "A disposizione circa 350 milioni di euro"

L'assessore regionale evidenzia come il nuovo piano permetterà una programmazione innovativa e capillare delle attività per le politiche sociali su tutto il territorio

Il piano sociale regionale entra nel vivo dopo l'approvazione dei piani sociali distrettuali. A dirlo l'assessore regionale Pietro Quaresimale, che ricorda come il nuovo piano sia innovativo e permetterà una copertura dell'assistenza sul territorio capillare e robusta, dopo che i singoli Ambiti sociali hanno elaborato i propri strumenti di programmazione tenendo conto del piano regionale

"Uno strumento di programmazione destinato a segnare l’attività delle politiche sociale in Abruzzo. Si tratta, come già detto in diverse occasioni, di un Piano innovativo che tiene conto delle nuove esigenze sociali e che si pone l’obiettivo di venire incontro e dare risposte alla domanda di welfare del territorio. L’elemento forte del piano sociale ripone senza dubbio sulla consistenza delle risorse finanziarie a disposizione La dotazione si aggira sui 350 milioni di euro grazie alle risorse nazionali e regionali ordinarie per le politiche sociali e quelle di carattere straordinario quali il Pon inclusione, il React Eu e il Pnrr. Si capisce che ci troviamo di fronte ad un’occasione unica per l’Abruzzo che deve essere sfruttata nei prossimi anni per ridurre le differenze sociali, per dare risposte alle categorie fragili, per venire incontro alle famiglie più disagiate. "

Anche nei contenuti, evidenzia Quaresimale, vi è una rivoluzione: per la prima volta sono prese in considerazione tutte le categorie fragili con precisi riferimenti ad un sistema omogeneo di Leps (livelli essenziali delle prestazioni sociali) e con l’indicazione delle risorse per la povertà e l‘inclusione sociale.

"Non solo, tutto il piano sociale regionale viene implementato con un preciso nomenclatore nazionale dei servizi alla persona e con una omogeneità programmatoria. Il Piano, inoltre, concentra l’attenzione anche sulle politiche giovanili di inclusione sociale con precisi riferimenti a misure nazionali e regionali: servizio civile, Por Fse, legge politiche giovanili ed altri interventi previsti nel Pnrr. Per questi motivi ci attende una sfida che deve coinvolgere tutti per essere vinta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entra nel vivo l'approvazione del nuovo piano sociale regionale, Quaresimale: "A disposizione circa 350 milioni di euro"
IlPescara è in caricamento