rotate-mobile
Politica

Pettinari (M5s) sull'aggressione a Brumotti di Striscia la Notizia: "Pubblicità inaccettabile per la città, basta proclami"

Il consigliere regionale interviene in merito alla nuova aggressione subita dall'inviato di Striscia la Notizia al Ferro di cavallo

Una pubblicità negativa inaccettabile per la città di Pescara a pochi mesi dalla stagione turistica. Così il consigliere regionale e vicepresidente del consiglio Domenico Pettinari ha commentato l'aggressione a Brumotti, di Striscia la Notizia, avvenuta durante il servizio girato al Ferro di cavallo a Rancitelli. Pettinari ha evidenziato come la città sia messa alla berlina dallo scempio e dalla vergogna, con le promesse e proclami del centrodestra che però non hanno mai portato a nulla di concreto:

"Sono anni che denuncio quanto accade al Ferro di cavallo, sono anni che mi batto affinché nelle periferie a rischio, che ricordiamolo non si esauriscono a quel quadrilatero, si intervenga buttando fuori dalle case chi le utilizza per azioni criminali per poi essere subito riassegnate a cittadini onesti. Ma sono inascoltato: si pensa a soluzioni spot enormi, come buttare giù un palazzo, quando è chiaro a tutti che la piaga dello spaccio si sposterà di poche decine di metri nelle tante case che, a due passi dal Ferro di cavallo, sono vuote e incustodite. Ribadisco, anche dopo questa ennesima brutta figura su scala nazionale della Regione a trazione centro destra, proprietaria delle case Ater, e dell’Amministrazione comunale, sempre a trazione centrodestra, che ha la possibilità e gli strumenti per intervenire, che l’unica strada è quella di applicare pedissequamente la legge regionale 96/96."

La norma, conclude Pettinari, è buona sulla quale ha lui stesso contribuito, ma va applicata subito, con tutte le istituzioni preposte che devono agire immediatamente:

"Alla luce di ciò che è andato in onda ieri su canale cinque il mio pensiero torna alle forze dell’ordine che con fatica devono gestire una situazione ai limiti del possibile. Grazie a loro e a tutti i cittadini onesti che resistono in quell’inferno aspettando che chi di dovere faccia ciò che è giusto e non solo quello che fa più rumore”. Ricordiamo che il servizio è andato in onda nella puntata del 21 febbraio dove Brumotti è stato minacciato e preso a schiaffi da una donna che sarebbe responsabile dello spaccio di stupefacenti all'interno della sua abitazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pettinari (M5s) sull'aggressione a Brumotti di Striscia la Notizia: "Pubblicità inaccettabile per la città, basta proclami"

IlPescara è in caricamento