menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'annuncio del presidente Petrelli sull'inquinamento a Pescara: "Lockdown e restrizioni hanno inciso poco sui valori delle polveri sottili"

Il presidente della commissione ambiente evidenzia come i dati relativi alle pm nell'aria della città dimostrino che in realtà la riduzione del traffico abbia inciso in modo relativamente marginale sul calo

Calano i livelli di benzene e biossido di azoto nell'aria, ma non quelli delle polveri sottili pm10 e pm 2,5 nonostante la forte riduzione di traffico registrata in città negli ultimi 10 mesi a causa del lockdown e delle misure restrittive ancora in atto. Lo ha detto il presidente della commissione ambiente Petrelli analizzando i dati relativi all'inquinamento atmosferico a Pescara, che dimostrano come il miglioramento ovviamente ci sia stato e i giorni di superamento nel 2020 sono stati appena 18 su 366, ma una lettura approfondita dei dati dimostra come i parametri delle polveri sottili e ultrasottili abbiano avuto un calo relativamente modesto.

Il Comune, dunque, continuerà ad intervenire su altri fattori che incidono pesantemente, come le caldaie e gli impianti di riscaldamento domiciliare:

Abbiamo chiesto all’Arta di Pescara di approfondire tale tema e l’Agenzia ha preso parte a uno studio regionale che a oggi ha già confermato il trend: la riduzione dei volumi di traffico veicolare privato determinata dal lockdown generale tra marzo e giugno e che poi, con la seconda ondata in autunno, ha comunque decisamente limitato gli spostamenti, ha effettivamente ridotto i livelli di benzene e biossido di azoto, ma non ha influito sui valori delle polveri Pm10 e Pm2,5, che anzi avevano fatto registrare una punta record il 28, 29 e 30 marzo per l’arrivo di polvere di origine desertica.

Secondo l'Arta, spiega Petrelli, negli ultimi anni si è registrato un netto miglioramento dell'inquinamento atmosferico anche se la città comunque non può essere considerata fuori pericolo per eventuali criticità e dunque si dovrà agire su fronti diversi rispetto a quello della mobilità:

Ovviamente porteremo il tema all’attenzione della giunta e dell’assessore delegato Isabella Del Trecco anche per verificare la possibile strategia amministrativa da attuare

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento