Politica

Pescara, arriva il contapersone nei parchi e nei musei cittadini

Il progetto del Comune è stato presentato dall'assessore Albore Mascia e dall'assessore Paoni Saccone assieme al vicesindaco Santilli

Uno strumento tecnologico e preciso per monitorare gli accessi degli utenti ai parchi cittadini ed ai musei, per fornire all'amministrazione comunale importanti riscontri sull'uso di strutture pubbliche e sull'afflusso in occasione di eventi e manifestazioni.

Presentato questa mattina il progetto del contapersone dall'assessore Albore Mascia, dal vicesindaco Santilli e dall'assessore Paoni Saccone, che è stato finanziato con 100 mila euro derivanti dal fondo Por Fesr 2014/2020 e sarà per ora installato al museo d’Arte Moderna, museo del Mare, parco Villa De Riseis,  pineta dannunziana, parco dell’ex Caserma Cocco, parco Villa Sabucchi, parco Florida, l’Aurum, museo Cascella e il museo delle Genti d’Abruzzo. Un sistema unico in Italia che mette in rete strutture che sono terminali di percorsi ciclabili e pedonali.

Il sistema, spiega Albore Mascia, sfrutta telecamere e sistemi ad infrarossi, non impattanti anche negli edifici sottoposti a vincoli dalla soprintendenza dei beni culturali:

I dati raccolti confluiscono tutti in una centralina e  sono elaborati ed archiviati all’interno di un server collocato nel Ced del Comune. Gli accessi al sistema sono stati già divisi per gruppi di utenti e garantiscono la visualizzazione dei soli dati assegnati con i diversi privilegi"

Il progetto è stato curato dalla responsabile del servizio mobilità, architetto Giancarla Fabrizio e dall'ingegner Dino Fratelli che ne hanno illustrato peculiarità e flessibilità.

Il primo test, fa sapere il vicesindaco Santilli, sarà al parco Florida, chiuso per diverso tempo e sottoutilizzato, per capire se con l'affidamento ad un gestore esterno i cittadini torneranno a frequentare il parco.

L'assessoreMaria Rita Paoni Saccone:

"La presenza di dati oggettivi ci consentirà di fare importanti valutazioni sia sulla proposta culturale che il comune sostiene, quindi spettacoli, concerti, convegni e incontri, sia sulla necessità di intervenire sulle diverse sedi per potenziarle o per riportarle a quel ruolo di funzionalità, che magari in passato hanno avuto nel tessuto urbano e che poi per qualche ragione hanno perso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara, arriva il contapersone nei parchi e nei musei cittadini

IlPescara è in caricamento