rotate-mobile
Politica

Il Pd regionale attacca la maggioranza per la legge "Cura Abruzzo 2": "Troppe incertezze, pura propaganda"

I consiglieri regionali del partito democratico esprimono critiche e perplessità in merito alla legge regionale approvata venerdì dalla maggioranza di centrodestra

Mancanza di coperture e risorse certe, propaganda e tempi lunghi. Così i consiglieri regionali del Pd hanno bollato la legge regionale "Cura Abruzzo 2" approvata venerdì scorso dalla maggioranza di centrodestra, e che stanzia 70 milioni complessivamente per affrontare la crisi derivante dal Coronavirus, con 40 milioni di euro a fondo perduto.

APPROVATA LA LEGGE REGIONALE "CURA ABRUZZO 2"

Secondo i consiglieri, manca qualsiasi confronto con le parti sociali ed inoltre, le poche sicurezze che garantisce arriverebbero solo grazie agli emendamenti del partito democratico approvati, riguardanti zone rosse, balneari, studenti e turismo. Secondo il capogruppo Paolucci, sarebbero solo 19 i milioni disponibili, gli altri saranno a disposizione solo dopo la riprogrammazione dei fondi europei e dopo l'approvazione del consultivo. Inoltre, le risorse attualmente disponibili arriverebbero dal lavoro della precedente giunta regionale D'Alfonso, grazie ai fondi europei e Masterplan, riequilibrio di bilancio e conti sulla sanità.

Il provvedimento è stato deciso da una cabina di regia completamente governata da Forza Italia e FdI, forze minori che pero' creano un nuovo equilibrio con questa norma, diventando maggioranza relativa rispetto alla Lega". La legge è frutto di propaganda e di una giunta che pensa ad aumentare stipendi di manager e dirigenti a fronte di una cittadinanza che attende ancora la cassa integrazione

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd regionale attacca la maggioranza per la legge "Cura Abruzzo 2": "Troppe incertezze, pura propaganda"

IlPescara è in caricamento